Gian Lorenzo Bernini: riassunto

Appunto inviato da tidbit88 Voto 6

Gian Lorenzo Bernini: riassunto della vita, lo stile artistico e caratteristiche delle opere maggiori, Apollo e Dafne, Estasi di Santa Teresa, Baldacchino di San Pietro e Il colonnato di Piazza San Pietro (4 pagine formato doc)

GIAN LORENZO BERNINI: RIASSUNTO

Gian Lorenzo Bernini (1958 – 1680). Il trionfo del Barocco. Scultore, architetto, pittore, scenografo, commediografo, disegnatore.
- A differenza di Caravaggio, che vive ai margini della società, Bernini riceve fama, onori e ricchezza;
- Nasce a Napoli, ma la sua formazione artistica avviene a Roma;
- Il disegno è l’elemento unificatore di tutta l’attività berniniana;
- Disegna anche delle caricature, ad esempio quella del capitano della guardia di Papa Urbano VIII, nella quale enfatizza i suoi difetti fisici;
- La sua carriera si svolge interamente all’interno della corte papale, della quale diviene rappresentante artistico e ideologico;
- Bernini porta alla massima fioritura il linguaggio barocco, attuando i piani urbanistici con i quali i pontefici volevano rilanciare il ruolo della Chiesa;
- L’artista non percepisce le arti in modo separato, come nel Rinascimento, ma le immagina come un'unica forma espressiva;
- Il complesso e affascinante interagire delle arti si inserisce in modo scenografica nel contesto della città;
- L’arte barocca risente molto del gusto teatrale, come se la vita potesse essere ridotta a un enorme palcoscenico;
-  Gli spunti, molto ricchi, spesso sono tratti dallo studio dell’Antico;
- Si verifica il definitivo tramonto del concetto rinascimentale di arte come rappresentazione della realtà;
- Si pongono le basi per un arte nuova e rivoluzionaria;
- La fantasia e la libertà di espressione trasgrediscono tutte le regole classiche, si conserva però l’armonia.

Gian Lorenzo Bernini: opere e strutture


GIAN LORENZO BERNINI: OPERE PRINCIPALI

Apollo e Dafne.
- L’artista presenta il momento in cui Apollo, il dio greco della musica e delle profezie, sta per raggiungere la bellissima ninfa Dafne di cui era innamorato a causa di una freccia scagliatagli da Eros. Dafne pur di sottrarsi al dio chiede al padre di trasformarla in una pianta di alloro.
- Bernini conferisce alle due figure un senso di movimento nuovo;
- La gamba di Apollo è sollevata nella corsa;
- Il corpo nudo di Dafne, si inarca in avanti, per sfuggire all’abbraccio di Apollo;
- La ninfa urla disperata, mentre le mani e i capelli iniziano a trasformarsi in rami di alloro, e le dita dei piedi diventano radici;
- Si tratta di una scena drammatica, ricondotta però a una dimensione di composta e classica armonia;
- L’artista cerca nuovi effetti di tipo pittorico, svincolandosi dal linguaggio scultoreo tipico.

Gian Lorenzo Bernini: opere principali


BERNINI, STILE ARTISTICO

Estasi di Santa Teresa
- Fa parte del gruppo scultoreo all’interno della Cappella Corsaro, nella chiesa romana di Santa Maria della Vittoria;
- La volontà dell’artista è ancora quella di stupire il pubblico;
- Rappresenta Santa Teresa d’Avila in estasi mistica, cioè mentre viene sopraffatta dalla visione di Dio;
- Bernini scolpisce la santa immaginandola semidistesa su una coltre di nuvole, mentre un angelo sorridente (molto simile a Cupido) sta per trafiggerle simbolicamente il cuore con una freccia;
- Dietro al gruppo scende una cascata di raggi dorati, illuminati da una finestra nascosta, che alludono alla presenza divina;
- La collocazione e gli atteggiamenti dei personaggi sembrano quelli di attori sul palcoscenico, infatti ai lati della cappella sono rappresentati 2 balconcini dai quali si affacciano le statue rappresentanti i membri della famiglia Corsaro, committenti dell’opera.