Controllo utente in corso...

Riassunto Prima Guerra Mondiale: Descrizione dettagliata della Prima Guerra Mondiale dal principio fino alla fine. Cause e conseguenze (4 pagine formato doc)

VOTO: 6 Appunto inviato da danaloving

Riassunto storia: Riassunto storia: Prima Guerra Mondiale. Capitolo sei Il 28 giugno 1914, un giovane bosniaco uccise l'erede al trono d'Austria, Francesco Ferdinando, e sua moglie, mentre stavano attraversando in auto le vie di Sarajevo, capitale della Bosnia. Tanto bastò per suscitare la reazione dell'Austria, da tempo convinta della necessità di impartire una dura lezione alla Serbia. L'Austria compì la prima mossa inviando un ultimatum alla Serbia. Il secondo lo fece la Russia assicurando il proprio sostegno alla Serbia. Forte dell'appoggio russo, il governo serbo accettò solo in parte l'ultimatum, respingendo in particolare la clausola che prevedeva la partecipazione di funzionari austriaci alle indagini sui mandanti dell'attentato. L'Austria giudicò la risposta insufficiente e, ca. un mese dopo, dichiarò guerra alla Serbia. Immediata fu la reazione del governo russo che, ordinò la mobilitazione delle forze armate. Ma la mobilitazione - che i generali russi vollero estesa all'intero confine occidentale per prevenire un eventuale attacco da parte della Germania - fu interpretata dal governo tedesco come un atto d'ostilità. Così la Germania inviò un ultimatum alla Russia intimandole la sospensione dei preparativi bellici. L'ultimatum non ebbe risposta e fu seguito dalla dichiarazione di guerra. Il giorno stesso la Francia, legata alla Russia da un trattato d'alleanza militare, mobilitò le proprie forze armate. La Germania rispose con un nuovo ultimatum e con la successiva dichiarazione di guerra alla Francia. Fu dunque l'iniziativa del governo tedesco a far precipitare definitivamente la situazione. Il piano di guerra di Schlieffen, prevedeva in primo luogo un massiccio attacco contro la Francia. Presupposto essenziale per la riuscita del «piano Schlieffen» era la rapidità dell'attacco alla Francia. A questo scopo era previsto che le truppe tedesche passassero attraverso il Belgio, nonostante fosse neutrale. La violazione della neutralità belga ebbe anche un peso decisivo nel determinare l'intervento inglese nel conflitto. Così, l'Inghilterra dichiarò guerra alla Germania. Tutti i governi sottovalutarono la gravità dello scontro che si stava creando ed era ampiamente diffusa la convinzione che una guerra avrebbe contribuito a soffocare i contrasti sociali e a rafforzare la posizione di governi e classi dirigenti. In quasi tutti gli Stati coinvolti nel conflitto, le forze pacifiste non trovarono nessun appoggio nell'opinione pubblica che era a sostegno della causa nazionale; infatti, le grandi città si riempirono di dimostrazioni belliciste. Il richiamo del patriottismo fece capolino anche in quegli schieramenti che non sembravano disposti ad accoglierlo, come i socialisti europei che rinunciarono ad ogni manifestazione di protesta e poco dopo entrarono a far parte del governo. Ci fu un enorme spiegamento delle forze armate in questa guerra. Inoltre, queste forze erano meglio armate di qualsiasi esercito ottocentesco: infatti, tutti disponevan Continua »

vedi tutti gli appunti di storia »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.211298942566 secondi