Il Nazismo: riassunto

Appunto inviato da terryealba Voto 6

Storia del Nazismo: dalla Repubblica di Weimar, il Partito nazionalsocialista, Hitler al suo programma (5 pagine formato doc)

IL NAZISMO: RIASSUNTO

La repubblica di Weimar e il Partito nazionalsocialista. Subito dopo la sconfitta nella Prima guerra mondiale, in Germania era stata proclamata la Repubblica (9 novembre 1918). Il governo provvisorio dei socialdemocratici intendeva dare al Paese istituzioni. All’estrema sinistra si era formato un vasto movimento, detto Lega di Spartaco dal nome del gladiatore. Gli spartachisti volevano una rivoluzione. I fondatori del movimento, Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg furono assassinati insieme a molti compagni. L’assemblea, riunita nella città di Weimar, elaborava una Costituzione democratica. La Germania divenne una repubblica federale. La repubblica di Weimar era però sottoposta a pesanti pressioni. Infatti i conservatori,i grandi gruppi industriali e gli altri ufficiali accusavano il governo repubblicano di aver tradito la Germani firmando l’armistizio.

Nazionalismo nazista: tesina di maturità


IL REGIME NAZISTA RIASSUNTO

Si trattava di una propaganda nazionalista. Il governo doveva fronteggiare una situazione economica disastrosa e pagare gli enormi danni di guerra che la Francia esigeva con urgenza. Per evitare nuove tasse, il governo di Weimar fece stampare banconote a ritmo frenetico, il che accelerò l’inflazione già in atto. Il valore del marci, divenne praticamente zero. Le tensioni sociali e politiche toccarono il culmine. La Germania fu sconvolta da attentati terroristici e tentativi insurrezionali.  L’economia tedesca si riprese dopo il 1924 grazie a un’importante riforma monetaria e ai finanziamenti americani che portò alla stabilizzazione del marco. Anche la situazionepolitica interna sembrò stabilizzarsi con l’elezione a Presidente della Repubblica del maresciallo Hindenburg sostenuto dai nazionalisti e dai militaristi.

Tesina sul Nazismo


GERMANIA NAZISTA

Hitler e il suo programma. Austriaco di nascita anche Adolf Hitler giudicava la sconfitta e le condizioni di pace. L’anno successivo Hitler costituì le SA (reparti d’assalto) un’organizzazione armata che aggrediva con la violenza gli avversari politici. Più tardi, creò la propria guardia personale, le SS (squadre di protezione). Il complotto fu scoperto, ed Hitler trascorse in carcere circa un anno, durante il quale scrisse il suo programma politico nel libro Mein Kampf (la mia battaglia). I principi fondamentali del suo pensiero erano i seguenti:
Nazionalismo. La Germania , umiliata dalla pace nel 1919, doveva diventare una grande potenza.

Nazismo: l'ascesa al potere di Hitler in Germania


IDEOLOGIA NAZISTA

Razzismo. Il riscatto della Germania sarebbe avvenuto grazie alla superiorità della “razza ariana”. Tutte le razze “inferiori” erano da considerarsi nemiche. I nemici peggiori erano gli ebrei, che andavano eliminati. Hitler giudicava gli ebrei responsabili di tutti i mali della Germania.
•    Anticomunismo. Il nazismo fece della lotta contro il “pericolo rosso”
•    Guerra al sistema parlamentare. Per realizzare il suo programma, Hitler aveva bisogno di una nuova forma di Stato, che eliminasse il regime parlamentare e ritrovasse la sua unità intorno a un capo il Führer. Alle elezioni del 1932, il Partito nazista ottenne il 37% dei voti. Il 30 gennaio 1933, il presidente Hindenburg nominò cancelliere Adolf Hitler. Innanzitutto, egli pretese nuove elezioni per ottenere la maggioranza assoluta.