Seconda guerra mondiale: riassunto degli eventi più importanti

Appunto inviato da lucapera Voto 7

Seconda guerra mondiale: riassunto sui diversi aspetti del conflitto e sugli eventi più importanti. Riassunto di storia sulla Seconda guerra mondiale (3 pagine formato doc)

SECONDA GUERRA MONDIALE: RIASSUNTO DEGLI EVENTI PIU' IMPORTANTI

La Seconda guerra mondiale. Nel Marzo ’39, la politica espansionistica di Hitler si diresse verso un nuovo obiettivo: La Polonia, che era la prima tappa verso la conquista di tutta l’Europa Orientale. Francia e Gran Bretagna infatti, avevano garantito al Governo Polacco l’Indipendenza della Polonia e che sarebbero intervenute in sua difesa se la Germania avesse attaccato. Hitler strinse prima il “Patto d’Acciaio” con l’Italia (Maggio 1939), che rinsaldava l’alleanza con l’alleato fascista, poi firmò il “Patto di non aggressione” con l’Unione Sovietica di Stalin (Agosto 1939), con cui Hitler si assicurava il non intervento dell’Unione Sovietica nel caso di attacco della Polonia. Nel suo progetto di dominare l’Europa Orientale, l’esercito tedesco di Hitler il 1 Settembre del ’39 (Inizio della Seconda guerra mondiale) invade la Polonia. L’esercito tedesco era troppo superiore rispetto a quello polacco che, in meno di un mese fu travolto, e il Governo Polacco fu costretto ad andare in esilio a Londra.

Riassunto della Seconda guerra mondiale


SECONDA GUERRA MONDIALE RIASSUNTO SEMPLICE

La guerra lampo dell’esercito tedesco preoccupò tutto il mondo. Il 3 Settembre Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania ma si dimostrarono assolutamente impreparate dal punto di vista militare. Dopo la caduta della Polonia, Hitler procedette ,verso l’inizio del ’40 , a un’altra guerra lampo. Con la conquista di Danimarca e Norvegia. Francia e Inghilterra assistevano impotenti e incerti sul da farsi, all’avanzata di Hitler in Europa. Nel Maggio 1940, in poche settimane Hitler riuscì a conquistare pure la Francia, occupando Parigi. L’esercito tedesco occupava anche Belgio e Olanda. L’Italia entra in guerra il 10 Giugno 1940, dichiarando guerra alla Francia.( Mussolini fa un discorso dal balcone) Mussolini insieme al suo alleato Hitler, dichiarò guerra a una Francia ormai travolta dall’ esercito tedesco.

Seconda guerra mondiale: riassunto dettagliato


SECONDA GUERRA MONDIALE RIASSUNTO DETTAGLIATO

Lo scontro militare con la Francia durò pochissime settimane, e il 22 Giugno la Francia firmava l’armistizio a Compiégne. Il territorio francese nel ’40 risultò diviso in due parti: la Parte Settentrionale era sotto il controllo tedesco, quella meridionale era guidato da un governo alleato dei tedeschi con a capo il maresciallo Petain e con capitale Vichy. Il movimento anti-fascista francese era invece guidato dal generale Charles De Gaulle. Nell’estate del ’40 Hitler pensò di invadere e attaccare anche l’Inghilterra, ma il progetto non venne mai attuato per la strenua resistenza dell’aviazione inglese. Le brillanti vittorie ottenute dalla Germania, mettevano in evidenza l’inferiorità dell’Italia rispetto alla Germania; Mussolini cercò quindi di ritagliare per l’Italia, un ruolo autonomo: la così detta Guerra Parallela. In Germania e Italia vi era una profonda alleanza determinata dalla stessa politica e dalla stessa ideologia. Italia e Germania infatti firmarono un patto tripartito con il Giappone.

altro riassunto della Seconda guerra mondiale


SECONDA GUERRA MONDIALE RIASSUNTO BREVE

La Guerra Parallela di Mussolini, si svolse in aree distinte: Il Mediterraneo, l’Africa e la Regione Balcanica. Alla fine del ’40 l’Italia sferrò due offensive, una in Africa e l’altra in Albania e Grecia. In Africa, la controffensiva dell’esercito britannico determinò la disfatta italiana, mentre l’esercito greco  appoggiato da quello inglese travolse quello italiano. Anche nel Mediterraneo l’Italia subì gravissime sconfitte: La flotta inglese vinse la battaglia di Punta Stilo di Capo Teulada e di Capo Matapan. Il completo fallimento della Guerra Parallela di Mussolini, spinse Hitler a intervenire in aiuto dell’esercito italiano. Hitler mandò uno dei suoi migliori generali, Erwin Rommel al capo del colpo di spedizione dell’AfrikaCorps, con cui si sperava di riprendere il controllo della situazione.