Dittatura di Silla: riassunto: Nell'82 sconfitti i seguaci di Mario a Porta Collina, Silla prende il potere a Roma: riassunto sulla dittatura di Silla (8 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da larry15051990

Dittatura di Silla: riassunto - LA DITTATURA DI SILLA Prima di partire da Patrasso per l'Italia, SILLA scrisse al Senato, annunciandogli le vittorie ottenute in Asia, la pace imposta a Mitridate e il suo ritorno. Si lamentava però delle offese recate alla sua famiglia e ai suoi amici e terminava esprimendo il proposito di rimettere l'ordine a Roma, assicurando che non avrebbe fatto alcun male ai "buoni" cittadini.Giunta a Roma la lettera, i "cattivi" capirono benissimo che cosa li aspettava se tornava Silla; e così il partito che era al potere si preparò alla difesa. Si raccolsero soldati dal Sannio, dall'Etruria e dalla Lucania e si formò un esercito di circa duecentomila uomini.

Leggi anche Riassunto della vita e le riforme di Mario e Silla

Ma questa gente per lo più costretta ad ubbidire erano elementi eterogenei e indisciplinati, con i quali non si sarebbe potuto tener testa ai "professionisti" delle agguerrite e fedeli legioni di Silla.CINNA, sempre al consolato, nell'inverno del 84, condusse quell'esercito raffazzonato, ad Ancona per prendere il mare e recarsi incontro al rivale, ma le truppe si rifiutarono d'intraprendere una navigazione in quella stagione e, poiché il console voleva obbligarle ad imbarcarsi, si ribellarono e l'uccisero.Il suo collega console GNEO PAPIRIO CARBONE, reso prudente dalla sorte toccata al collega, promise all'esercito che sarebbe rimasto in Italia e lo trasferì ad Arimino (Rimini).

Leggi anche Tema sulla guerra civile tra Mario e Silla

Dopo la sospensione di quattro anni, tornarono ad esserci le elezioni consolari, e all'inizio dell'anno 83, furono eletti L. CORNELIO SCIPIONE e CAJO NORBANO, e mentre Carbone si recava nella Cisalpina in qualità di proconsole, i due neoletti si prepararono ad ostacolare il ritorno del vincitore di Mitridate.SILLA, intanto, sbarcato indisturbato a Brindisi, assicurò la popolazione delle sue intenzioni amichevoli ed impedì alle truppe ogni atto ostile.

Continua »

vedi tutti gli appunti di storia »
Carica un appunto Home Appunti