Riassunto Sul Tema Della Violenza - Riassunto di Storia gratis Studenti.it

Riassunto sul tema della violenza: con dati e commenti sulla violenza sulle donne e sui minori ai nostri giorni (3 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da babbokiare

Riassunto sulla violenza alle donne e ai minori - In quasi tutte le società tradizionali le donne furono discriminate; la loro istruzione fu limitata all'apprendimento di abilità domestiche, non ebbero accesso a nessuna posizione di potere. Il matrimonio fu quasi sempre considerato un mezzo necessario per garantire alla donna sostegno e protezione. Una donna sposata solitamente assumeva lo status del marito e andava a vivere con la famiglia di lui: in caso di maltrattamenti o di mancato mantenimento aveva scarse possibilità di rivalersi. Nel diritto romano, che influenzò il successivo diritto occidentale, marito e moglie erano ad esempio considerati un'unità, nel senso che la moglie era un vero e proprio “possesso del marito”; in quanto tale, la donna non godeva del controllo giuridico né della sua persona, né dei suoi figli, né delle sue terre, né dei suoi soldi.

LEGGI ANCHE Ricerca sulla condizione della donna nel mondo e sul femminicidio

Anche durante il Medioevo, il diritto feudale prevedeva che la terra si tramandasse per discendenza maschile. Le eccezioni dell'antica Babilonia e dell'antico Egitto, dove le donne godettero dei diritti di proprietà, e a Sparta amministravano di fatto l'economia, furono dunque fenomeni isolati; solo durante il Medioevo in alcuni paesi europei le donne poterono entrare a far parte delle corporazioni delle arti e dei mestieri. In alcuni rarissimi casi le donne godettero dell'autorità religiosa, come nel caso delle sciamane siberiane e delle sacerdotesse romane. Nella seguente era industriale donne e bambini lavoravano anche per dodici ore di seguito nelle fabbriche. Infine, nel novecento, la donna sembra aver definitivamente aver raggiunto l'uomo, con la concessione di votare e col raggiungimento dei titoli più ambiti e dei lavori di solito riservati all'uomo (come ad esempio la carriera militare).

LEGGI ANCHE Saggio breve sui diritti delle donne

Tuttavia anche nel ventunesimo secolo esiste ancora una forma di violenza sulle donne: quella fisica, economica e psicologica. Per analizzare questa nuova violenza molti enti pubblici hanno svolto ricerche, soprattutto per osservare l'espansione di questo fenomeno. Da un indagine condotta dalla regione Emilia Romagna risulta che nel 13% dei casi si tratta di violenza sessuale, nel 33% di violenza economica, nel 51% di violenza fisica e nel 65% di violenza psicologica. Il totale è superiore al 100% in quanto più donne hanno subito diversi tipi di violenza. In moltissimi casi (oltre l'88%) la violenza viene definita “domestica”, in quanto inflitta da partner o da ex partner (l'82%) oppure da parenti, nel 6,4% dei casi. Amici e conoscenti sono autori della violenza nel 4,5% delle occasioni, mentre il restante 7,1% ha come protagonisti sconosciuti. La violenza domestica è da intendersi come violenza maschile contro le donne in casa, che implica dunque una relazione di intimità o familiare. In questa ricerca le autrici femminili della violenza sono complessivamente 15, pari all'1% circa di tutti gli autori.

LEGGI ANCHE Riassunto della storia del movimento femminista
Continua »

vedi tutti gli appunti di storia »
Carica un appunto Home Appunti