Io non ho paura: relazione

Appunto inviato da 9dodo1 Voto 6

Io non ho paura: relazione e riassunto del celebre libro di Ammaniti e breve vita dell'autore e analisi dei personaggi (2 pagine formato doc)

IO NON HO PAURA: RELAZIONE

Relazione di “Io non ho paura” di Niccolò Ammaniti.
Autore: nato a Roma nel 1966, Niccolò Ammaniti, esordisce con il romanzo “Branchie nel 1994, poi scrive altri romanzi e raccolte di racconti, “Fango”, “Ti prendo e ti porto via” e infine “Io non ho paura”.
Personaggi: il protagonista, Michele Armitrano, è un ragazzino di nove anni che vive con i genitori e la sorella a Acqua Traverse, una piccola frazione di Lucignano, ama stare tutto il giorno nei dintorni nel paese in sella alla Scassona, la sua bicicletta, in compagnia del suo gruppo di amici e di sua sorella, sfidando il torrido caldo Siciliano. È esile e non molto alto per la sua età, anche se abbiamo scarse informazioni riguardo il suo aspetto fisico, appaiono attraverso le sue azioni solo i pregi, è un bambino disponibile e generoso, anche se con i genitori è un po’ disubbidiente. Nel corso del racconto matura, soprattutto perché si confronta con un segreto più grande di lui, capisce che i mostri, le sue iniziali più grandi paure, non esistono e sono soltanto le persone che lo circondano, quelle trasformate in cattive dal denaro.

Io non ho paura: riassunto


IO NON HO PAURA RIASSUNTO BREVE

Filippo Carducci, anche lui un bambino di nove anni Pavese però, figlio di un ricco imprenditore, è il ragazzino che Michele trova in una fossa scavata nei pressi di una casa abbandonata, con lui insatura una profonda amicizia, lo vuole proteggere, sfida le sue paure pur di salvarlo e rischia la vita. Quando lo trova Filippo è sporco, si scorgono però i suoi capelli biondi, è esile, ridotto in malamente dalla fame e dalle condizioni in cui si trova, è buono, educato e timido. Diffida Michele ma solo per poco, infatti dopo i primi momenti di paura parla con lui della sua vita a Pavia e lo aspetta impaziente giorno dopo giorno.
La trentenne mamma di Michele, Teresa, ha lunghi capelli neri, occhi scuri e grandi, è una bellezza tipica mediterranea. È un punto di riferimento costante per i figli anche se non riesce a farsi troppo rispettare da Michele, che quando non c’è il padre le disubbidisce spesso. Viene coinvolta involontariamente nelle decisioni illegali del marito, per questo diventa angosciosa e sente il peso per il reato commesso.

Io non ho paura: sintesi del libro


IO NON HO PAURA RIASSUNTO CAPITOLO PER CAPITOLO

Il padre di Michele, Pino è un uomo piccolo e magro, è moro con i capelli tirati indietro con la brillantina sempre nervoso, odora di fumo e di acqua di colonia, fa il camionista e stanco della sua situazione economica e della sua vita in Sicilia cerca di guadagnarsi i soldi in modo disonesto nella speranza di intraprendere una vita migliore nel nord Italia. È severo con i suoi figli, anche se scherza spesso con loro, però è molto temuto da loro.
Ci sono inoltre gli amici di Michele, il Teschio il capo della banda, Remo, Salvatore il miglior amico di Michele, Barbara e Maria la sorella e gli altri abitanti di Acqua Traverse, quasi tutti complici del padre di Michele e Sergio, il mandante.

Io non ho paura: scheda libro


IO NON HO PAURA: FINALE

Trama. Siamo, nell’estate del 1987, ad Acqua Traverse piccola frazione di Lucignano in Sicilia, il caldo torrido ferma la vita nel paese ma non i bambini che fanno, in sella a le loro biciclette, gare da una parte all’altra della campagna. Michele in seguito a una penitenza subita per togliere Barbara da un grande imbarazzo scopre un buco dove trova un bambino sporco e impietrito, forse è morto, mentre riflette è richiamato dai suoi amici, non rivela a nessuno la sua scoperta. La notte ripensa al bambino, vuole sapere se è vero o se è stata tutta una sua immaginazione, quindi il giorno dopo torna al buco,nei pressi di una casa abbandonata, e si rende conto che è tutto vero e che il bambino è ancora vivo.