Tema Sulla Rivoluzione Industriale - Tema di Italiano - Storia gratis Studenti.it

Tema sulla rivoluzione industriale: Tema svolto con votazione 8 sulla rivoluzione industriale. Fenomeno che portò, nella seconda metà del ‘700, in Inghilterra all’affermazione di un modello produttivo incentrato sulla fabbrica (2 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da loresheva

La rivoluzione industriale

Per rivoluzione industriale s'intende quel fenomeno che portò, nella seconda metà del `700, in Inghilterra all'affermazione di un modello produttivo incentrato sulla fabbrica. Sono diversi i fattori che ne determinarono lo sviluppo in questo periodo e soprattutto in Ingh., infatti, solo più tardi questo fenomeno si espanse un po' in tutta l'Europa. Molto importanti erano le innovazioni tecniche che si andavano introducendo, o erano già state introdotte negli anni precedenti, nel campo tessile e con le quali si cercava di contrastare le importazioni delle pregiatissime stoffe indiane. (navetta volante, Kay 1733; filatoio meccanico, Hargreaves 1764; filatoio idraulico, Arkwright 1769; mule, Crompton 1779; telaio meccanico a vapore, Cartwright 1785) L'introduzione di questi macchinari iniziò a spostare i centri di produzione: non era più possibile tessere a casa sotto ordinazione, questi macchinari avevano bisogno d'alimentazione e grandi spazi, così nascono i primi “prototipi” di fabbriche.


Nuovi passi furono fatti anche nel campo siderurgico dove, grazie all'introduzione del carbone coke da parte di Darby e Cort, si riuscirono ad ottenere fusioni migliori con meno impurità e quindi una maggior qualità del prodotto; iniziò anche la diffusione di leghe metalliche più adatte e resistenti per lavori più specifici; nello stesso periodo Watt mise a punto la macchina a vapore che risolse molti problemi riguardante l'alimentazione dei macchinari. La vicinanza al mare, la presenza di molti fiumi navigabili e una migliore condizione della rete stradale, rispetto a tutti gli altri paesi europei, furono fattori fondamentali per lo sviluppo di un sistema industriale verso il quale l'Ingh. si stava avviando, i tempi per ottenere materie prime, per trasportare i prodotti erano ridotti e anche i costi non erano proibitivi. Contemporaneamente alla riv. industriale bisogna tenere in considerazione anche la riv. agraria, infatti, dopo l'introduzione delle coltivazioni a rotazione, l'applicazione del metodo e delle innovazioni industriali la condizione della popolazione contadina, che a quel tempo rappresentava circa il 75% della popolazione, era notevolmente migliorata.


Nella seconda metà del `700 si verificò in tutta Europa un aumento demografico, il che fece sì che non mancasse mai la manodopera e soprattutto non a costi elevatissimi; contemporaneamente all'aumento della manodopera c'era di conseguenza un aumento della richiesta dei prodotti, così il mercato non ristagnava. All'inizio però erano solo i piccoli mercanti o artigiani a rischiare, poiché i grandi proprietari terrieri o grandi mercanti non vedevano la necessità di fare rischiosi investimenti; quando si vide invece che questi investimenti non erano così rischiosi: il processo d'industrializzazione iniziò a decollare.


Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano-storia »
Carica un appunto Home Appunti