Cristianesimo: tema

Appunto inviato da misslucry91 Voto 5

Tema sulla nascita e diffusione del Cristianesimo (2 pagine formato doc)

CRISTIANESIMO: TEMA

Tema. Il Cristianesimo. A partire dalla seconda metà del I secolo d.C. iniziò a diffondersi in numerose regioni dell’impero una religione sorta in ambiente ebraico: il cristianesimo.    
Questa religione si fonda sulla predicazione e sulla fede nella resurrezione dei morti di Gesù di Nazareth, un messia ebraico che intorno al 28 40 d.C. diffuse il suo insegnamento in Palestina.    
Gesù di Nazareth, il Cristo, ricollegandosi alla tradizione dei grandi profeti, si proclamò figlio di Dio venuto a redimere dal peccato e dal male tutti gli uomini. Gesù predicava la necessità dalla metanoia che esigeva il riconoscimento della sua divinità, la volontà di diventare suoi discepoli, l’amore verso Dio e il conseguente amore verso ogni creatura di Dio.

IL CRISTIANESIMO NELL'IMPERO ROMANO

La predicazione di Cristo fu osteggiata dalle autorità ebraiche, che lo fecero arrestare come perturbatore dell’ordine pubblico e della pace religiosa e lo condannarono alla crocifissione.
Dopo la morte di Gesù, i suoi discepoli, gli apostoli, ne annunciarono e testimoniarono la resurrezione diffondendo la predicazione del maestro in numerosi centri della Palestina e della Siria.    
I primi cristiani vivevano  in piccole comunità, dette ecclesie, in cui i beni di ciascuno venivano messi in comune. All’interno di queste comunità era fondamentale la preghiera comune e la celebrazione del sacramento dell’Eucarestia.    
Un aspetto importante e fondamentale della vita delle prime comunità cristiane erano le attività dei bisognosi e dei poveri, svolte per lo più dai diaconi. Ogni comunità era guidata un vescovo che, aiutato dai presbiteri, aveva il compito di conservare l’integrità della fede tramandata dagli apostoli, di somministrare i sacramenti e di farsi carico delle questioni amministrative ed economiche della Chiesa locale.    
Tra il 45-50 ed il 100 d.C. l’insegnamento e le vicende della vita di Gesù vennero registrate da quattro seguaci del maestro Marco, Matteo, Luca, Giovanni, i quattro evangelisti. Essi stesero quattro libri nominati Vangeli che risultano essere un fondamentale documento storico sulla vita e sulla predicazione di Cristo.    

DIFFUSIONE DEL CRISTIANESIMO

Il cristianesimo, diffuso prima solo nella regione della Palestina, ebbe una grande diffusione in Grecia e in Asia minore grazie alla predicazione di Paolo di Tarso e la sua presenza è attestata a Roma già al tempo di Nerone.    
Già nel II secolo d.C. all’interno della Chiesa venne riconosciuta l’autorità e l’importanza del vescovo di Roma, considerato il diretto successore dell’apostolo Pietro riconosciuto da Cristo come responsabile della prima comunità cristiana. Con il passare dei secoli, il vescovo di Roma assunse il ruolo di guida di tutte le comunità cristiane e venne chiamato papa.    
I Romani, in genere assai tolleranti nei confronti delle religioni straniere mostrarono sospetto e a volte anche grande ostilità nei confronti del cristianesimo. I Cristiani affermando l’unicità di Dio e della predicazione di Cristo, rifiutarono il culto degli dei romani e la pratica dei riti pagani, considerati dalla mentalità religiosa romana come elementi fondamentali per il mantenimento della pace e della prosperità dell’impero. Per questi motivi i cristiani vennero spesso accusati di ateismo e di disfattismo.