Essere e apparire: tema

Appunto inviato da valentina1986 Voto 6

Traccia del tema: Tutto pare fatto per apparire e quello che appare è destinato ad essere visto, sentito, gustato e odorato. Riflessione sul binomio essere e apparire: tema (2 pagine formato doc)

ESSERE E APPARIRE: TEMA

Essere e Apparire: tema. Tutto pare fatto per apparire e quello che appare è destinato ad essere visto, sentito, gustato, odorato. L'uomo sembra essere il centro di questa rappresentazione; egli è il primo spettatore e l'interprete principale: è la sintesi per cui Essere e Apparire coincidono.
L'uomo ha per sua natura e costituzione, per sua capacità, il bisogno di conferme d'esistenza e quello è dato dal vedere e essere visti. Apparire quindi significa parere agli altri e questo significa avere o cercare spettatori: esibirsi, mostrarsi, recitare, essere individuati e percepiti e così essere accettati, ammessi, legittimati al bisogno d'amore e al suo appagamento. Così inizia quel lungo percorso doloroso del travestimento per la recita di un copione e di un apparire che questo comporta e che lo SCRIPT ci conferma.
Vi sono sostegni d'identità che aiutano a rassicurarci e a far si che non ci perdiamo, così troviamo appigli al fragile sentimento d'identità. Winnicot, parla di alcuni di questi oggetti "sostegno" che fanno parte della "area transizionale", questi oggetti insieme a certi fenomeni aiutano il bambino ad affrontare le frustrazioni, le privazioni e le nuove situazioni.

L'importanza di apparire: tesina di maturità

MEGLIO ESSERE O APPARIRE

In un contesto di fragilità e di identità che pervade la nostra società, la risposta narcisistica, trova -a livello individuale- per chi la fa, nella televisione un potente mezzo di sostegno e di difesa dell'identità: dopo l'abito, la cosmesi, lo spettacolo, la televisione ci fa vivere. Diversamente non si capirebbe come certi individui riescano a dire davanti ad una telecamera cose che non direbbero mai. Le "carezze", poi, di una popolarità immediata data dalla televisione diventano una droga. Un altro mezzo che rafforza lo SCRIPT.
Szaz, psichiatra americano, dice che in fondo esiste una analogia tra il ruolo del malato mentale e quello dell'attore di teatro: tutti e due assumono un ruolo per essere riconosciuti e amati dagli altri. I ruoli diventano strumenti che coprono e mascherano con una soddisfazione narcisistica.Karpmann, uno dei primi allievi di E. Berne, ha individuato nel dramma, con lo scambio dei tre ruoli che lo caratterizzano-0 il Persecutore; il Salvatore e la Vittima - il Gioco più praticato dai nevrotici.
Questi tre ruoli sono intercambiabili e pur essendoci la scelta esistenziale di immedesimarsi in uno, c'è nella relazione drammatica lo scambio di ruolo. Es.: Un divorzio può capitare a tutti, diventa un dramma se non c'è l'accettazione di un fallimento. Se non si vive la separazione come un fatto civile e ragionevole, si scatena il dramma: il voler far pagare all'altro il fallimento. Ecco allora che uno diventa Persecutore, l'altro Vittima. Con l'intervento degli avvocati (i Salvatori) ecco che avviene lo scambio dei ruoli: il Persecutore diventa Vittima e la Vittima, Persecutore. Si entra così in un circolo triangolare che non pone fine al dramma, ma lo alimenta.

Apparire ed essere: tesina di maturità

E' PIU' IMPORTANTE ESSERE O APPARIRE

L'uscita dallo scambio dei ruoli presuppone far prevalere uno stato dell'Io Adulto. Certe volte si arriva al ruolo di Martire quando la Vittima difende il Persecutore: il massimo dell'identificazione e adattamento al ruolo.
La società come la natura non rappresente affatto il regno della soddisfazione dei bisogni e desideri , ma il regno della realtà oggettiva. L'incontro con la realtà dà all'uomo lo spazio per la soddisfazione "reale" dei desideri. Tutto è surrogato a una ricerca d'amore.
Cercare di essere amati e accettati ci condiziona molto. C'è un film di Woody Allen che racconta questa dinamica interiore, caratterizzandola con la storia di un uomo camaleonte: Zelig. L'irresistibile voglia di farsi amare ed accettare, porta Zelig ad assumere le sembianze dell'interlocutore. C'è in tutti noi uno Zelig: è quella parte che accetta i condizionamenti per farsi accettare e ci aiuta a confermare la nostra esistenza. In ultima analisi, Zelig, ci rivela il proprio annullamento, un rifiuto all'individualità: non accettare l'altro diverso da sè e per questo riconoscersi solo uguale all'altro. Il malessere chequesto comporta ci dà la consapevolezza della parte; che noi siamo e che io sono: chi sono realmente e non che cosa gli altri vogliono che sia o pensino che sono.