Il Francescanesimo E La Lotta Alle Eresie - Tema di Italiano gratis Studenti.it

Il francescanesimo e la lotta alle eresie: Saggio breve sull'eccezionale figura di S.Francesco d'Assisi (1 pagine formato doc)

VOTO: 6 Appunto inviato da vitto1996

Il francescanesimo e la lotta alle eresie
Nel Medioevo l’ascesa del ceto mercantile, sempre più ricco e agiato, la corruzione della Chiesa e la violenza diffusa verso i più deboli determinano una condizione generale di malcontento tra le classi più umili della popolazione. Infatti, le persone comuni, il cui unico punto di riferimento poteva essere la Chiesa, percepivano il distacco di questa istituzione da quei valori di purezza e amore verso il prossimo che l’avevano caratterizzata nei primi secoli della sua esistenza.
Per questo motivo, erano nati dei movimenti religiosi in seno alla popolazione, detti “eretici” in quanto seguivano degli ideali diversi rispetto alle autorità ecclesiastiche, e che da esse venivano perseguitati, dal momento che la Chiesa vedeva tali movimenti come una minaccia alla propria stabilità.


E’ quindi in un periodo inquieto che si affermano i due ordini mendicanti maggiori, il francescanesimo, fondato da S. Francesco di Assisi, e l’ordine dei Domenicani, fondato da Domenico di Guzman, che la Chiesa usa per limitare in parte la forza dei movimenti ereticali.
In particolare, S. Francesco era un esponente della borghesia mercantile, che però decise di rifiutare la propria condizione di vita agiata per condurre una vita più semplice e dedicata all’amore per il prossimo; Dante, infatti, parlando di Francesco nell’undicesimo canto del Paradiso, dice che «ché per tal donna, giovinetto, in guerra del padre corse», dove la “donna” è in realtà la Povertà, che Francesco abbraccia completamente entrando in contrasto con il padre.


Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano »
Carica un appunto Home Appunti