Tema su Benedetto Croce

Appunto inviato da misslucry91 Voto 6

Tema su Benedetto Croce: descrizione della figura di Benedetto Croce come filosofo e come letterario con riferimento alle sue principali opere e pensiero (2 pagine formato docx)

TEMA SU BENEDETTO CROCE

Tema su Benedetto Croce. Benedetto Croce nacque presso l’Aquila nell’anno 1866 e fu indirizzato da giovane al collegio di Napoli, luogo in cui iniziò i suoi studi di scuole elementari e delle medie. Successivamente si spostò nella città di Roma poiché perse entrambi i genitori; venne accolto dallo zio, proprio qui compì i suoi studi universitari di giurisprudenza. Nel 1886 invece si spostò nuovamente a Napoli dedicandosi alla filosofia, dove morì nel 1952.    
Benedetto Croce rappresenta una figura di importante rilievo sia a livello letterario che a livello politico per il nostro paese, infatti egli nell’anno del 1910 venne eletto senatore e subito dopo ministro della Pubblica Istruzione nel governo di Giolitti.    
Rappresentante di rilievo anche per quanto riguarda l’antifascismo, infatti egli è noto per il suo scritto dal titolo “Manifesto degli intellettuali antifascisti”. Benedetto Croce può essere considerato come il più importante filosofo italiano del nostro secolo, egli si offerse alla filosofia scrivendo numerose opere tra cui “Logica come scienza del concetto puro” in cui viene reclamata la ragionevolezza della mente umana davanti a qualsiasi forma di intuizionismo e di misticità.    

Tema su Benedetto Croce e Giovanni Gentile


BENEDETTO CROCE PENSIERO

Ne la “Filosofia della pratica. Economica ed etica” invece viene indagata l’attività economica e la vita morale come forme dello spirito.     
La sapienza di Benedetto Croce può essere definita come storicismo assoluto, che sottomise alla critica più estrema la cultura positivistica del secondo Ottocento, preparando la più forte ascendenza sul pensiero italiano ed europeo del nostro secolo.    
Benedetto Croce avviò e guidò il giornale dal titolo “La critica”, una rivista molto conosciuta di carattere storico e filosofico, che collaborò all’innovazione e al rinnovamento della vita culturale dell’Italia. In questo periodo della sua vita, egli collaborò con Giovanni Gentile, che fu oltre che collaboratore anche molto amico.    

Benedetto Croce: riassunto


BENEDETTO CROCE OPERE

Oltre ad essere un filosofo, un direttore di giornale egli fu anche uno scrittore, scrisse numerose opere storiche tra cui “Storia d’Italia dal 1871 al 1915” in cui lo scrittore rappresenta la storia del nostro paese in seguito al raggiungimento dell’unità di Italia, iniziando a raccontare e descrivere tutti gli avvenimenti del nostro popolo in modo oggettivo così come sono avvenuti; opere di estetica e saggi critici.    
Nelle opere di estetica si ritrova una innovazione degli studi di estetica, contrastando la corrente istruita del cosiddetto metodo storico e ponendo importanza al valore espressivo e formale dell’opera d’arte. La dottrina estetica di Benedetto Croce incoraggiava il pensiero critico e l’estetica nell’ambiente della cultura letteraria italiana. “L’estetica come scienza dell’espressione e linguistica generale” rappresenta un grande volume di carattere storico in cui Croce elabora l’arte come illuminazione pura, come unità inseparabile di emozione e di aspetto, di presentimento e di rivelazione, di contenuto e di forma.