Famiglia di fatto: definizione di diritto

Appunto inviato da carmencrisa Voto 5

Tesina sulla famiglia di fatto: definizione, il concetto di famiglia oggi in Italia, l'esperienza dei Paesi europei in tema i Pacs e normative (13 pagine formato doc)

FAMIGLIA DI FATTO: DEFINIZIONE

L'art. 29 della nostra Costituzione riconosce come forma esclusiva di convivenza tutelata dall’ordinamento la famiglia legittima, fondata sul matrimonio.
Tuttavia, nonostante la forte impronta cattolica del nostro paese, la famiglia di fatto, ha conosciuto particolare diffusione.
Per famiglia di fatto si intende la convivenza non formalizzata da vincolo matrimoniale fra due persone, basata su legami affettivi e sul reciproco rispetto dei doveri familiari, si è particolarmente diffusa, nonostante. Spesso tale scelta è motivata da fattori individuali, come l’insicurezza verso i propri sentimenti, l’insofferenza verso i legami giuridici o la presenza di impedimenti che rendano impossibile regolarizzare la propria unione.

Tema sulle unioni di fatto


FAMIGLIA DI FATTO: DIRITTO PRIVATO

Tra conviventi non dovrebbero esistere in linea di massima né diritti né doveri, trattandosi di un’unione basata sulla libertà reciproca; tuttavia queste coppie, prefiggendosi una stabile comunione di vita, richiedono uno statuto minimo che disciplini il legame, ne stabilisca eventuali facoltà e obblighi.
La famiglia di fatto può essere giustificata facendo ricorso all’art. 2 della Costituzione, che riconosce e tutela i diritti inviolabili dell’uomo, come singolo e nell'ambito delle formazioni sociali dove si svolge la sua personalità, con riferimento ad coabitazione stabile, duratura e fondata sulla solidarietà e sull’accudimento della prole.

Pacs: cosa sono i patti di solidarietà civile per coppie di fatto, appunti


FAMIGLIA DI FATTO: LEGGE

Perché si possa parlare di convivenza more uxorio è necessario che ricorrano 4 punti fondamentali:
1) La convivenza deve essere conosciuta socialmente come forma familiare;
2) l’unione deve riguardare persone di sesso diverso;
3) deve esserci una comunione di vita materiale e spirituale;
4) deve mancare il vincolo matrimoniale.
Il disegno di legge presentato dai ministri Pollastrini, Bindi, Amato, Damiano e Padoa-Schioppa,  se approvato introdurrà alcune importanti novità in materia di unioni civili. I conviventi di fatto riconosciuti dai “Dico” (Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi), comunicato alla presidenza il 20 febbraio 2007,  introduce alcune importanti novità nel disciplinare i rapporti tra i conviventi di fatto.

I modelli di famiglia: tesina


FAMIGLIA DI FATTO E CONVIVENZA MORE UXORIO

Secondo l’art. 1 titolari dei diritti, dei doveri sono due persone maggiorenni e capaci, anche dello stesso sesso, unite da reciproci vincoli affettivi, che convivono stabilmente e si prestano assistenza e solidarietà materiale e morale, non legate da vincoli di matrimonio, parentela in linea retta entro il secondo grado, affinità in linea retta entro il secondo grado, adozione, affiliazione, tutela, curatela o amministrazione di sostegno.
Coloro che rispondono questi requisiti sono definiti "conviventi" e lo devono essere stabilmente.
La convivenza prevede la residenza comune di persone e deve essere provata dalle risultanze anagrafiche ( in conformità agli articoli 4, 13 comma 1 lettera b, 21 e 33 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223, secondo le modalità stabilite nel medesimo decreto per l'iscrizione, il mutamento o la cancellazione).