Tesina sull'economia pianificata e collettivista

Appunto inviato da serverdream Voto 3

Piccola tesina sull'economia pianificata e collettivista e la rivoluzione russa sul piano economico (6 pagine formato doc)

Cosa sono l'economia e il sistema economico?
Economia è una parola di origine greca, composta da “oikos” che significa casa e “nomos” che significa dividere, ripartire. L'economia è un'arte di amministrare la casa e gli interessi della famiglia ma anche il complesso delle attività umane rivolte alla soddisfazione delle risorse. L'economia si divide in Microeconomia e Macroeconomia; la Microeconomia parte dall'analisi del singolo operatore per studiare l'intero sistema economico. Dal termine greco micron = piccolo, studia il comportamento di un singolo operatore economico, ad esempio un consumatore, e presume che tutti i soggetti si comportino allo stesso modo. La Macroeconomia analizza il funzionamento del sistema economico nel suo complesso, ( dal termine greco macros = grande) e si occupa dell'intero sistema economico e non solo dei singoli operatori. Il sistema economico è formato dall'insieme degli operatori economici e dei rapporti economici che si instaurano fra di loro. Gli operatori economici sono: Lo Stato; La famiglia; L'impresa; Il terzo stato. Lo Stato deve fornire alla collettività i servizi pubblici (sanità, giustizia, istruzione, ordine pubblico). Effettua una spesa pubblica che viene in gran parte finanziata col prelievo tributario.


La famiglia è formata da tutti i consumatori presenti nel sistema economico. La famiglia decide quali beni consumare; queste decisioni di trasformano poi in una Domanda di beni e servizi: è la famiglia a determinare il consumo, costituito dalla spesa per beni e servizi finali. Per acquistare i beni di consumo necessari al suo sostentamento, la famiglia offre sul mercato un'attività lavorativa in cambio di un reddito. L'impresa produce i beni e i servizi destinati alla vendita sul mercato allo scopo di realizzare un profitto. Per poter produrre, le imprese effettuano degli investimenti e danno un reddito alle famiglie in cambio dell'attività lavorativa che queste offrono. Il terzo mondo, il commercio internazionale è rappresentato dalle relazioni economiche che si instaurano fra i diversi paesi. Si parla di importazioni ed esportazioni. Come reazione al liberismo economico sorsero le teorie collettivistiche. Queste proponevano: L'abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione; Un intervento notevole dello Stato nell'economia, sia per quanto concerne le scelte dei beni da produrre, sia per la distribuzione della ricchezza tra le varie classi sociali; Numerose limitazioni al meccanismo dei prezzi a favore delle classi meno fortunate.


Il collettivismo spinto agli estremi porta al comunismo, che propone l'assoluta subordinazione dell'interesse privato a quello pubblico. Vengono mortificate così le iniziative e le libertà private. Il documento fondamentale di questa ideologia è il “Manifesto del partito comunista” del 1848 a firma di Marx ed Engles.