sigmund freud:biografia ed eros e thanatos

Appunto inviato da nennaelisa Voto 5

sigmund freud:biografia ed esposizione della sua teoria della duplicità instintuale degli uomini (3 pagine formato doc)

BIOGRAFIA DI SIGMUND FREUD Sigmund Freud nacque il 6 Maggio 1856 a Freiberg, in Moravia, in una famiglia di origine ebraica. Dopo aver abbandonato la facoltà di scienze per motivi economici, nel 1881 si laureò in medicina a Vienna e si dedicò per molto tempo alla ricerca teorica nel campo dell'anatomia e della fisiologia del sistema nervoso. In seguito abbandonò lo studio teorico e cominciò a dedicarsi all'esercizio pratico della neuropsichiatria, venendo a conoscenza dell'ipnosi come metodo di cura per le psiconevrosi. L'interesse di Freud per tale materia divenne vivissimo tantochè, grazie ad una borsa di studio, si recò in Francia per collaborare con Charcot, il più grande neurologo europeo di quei tempi. Egli, infatti, faceva largo uso dell'ipnosi per la cura delle nevrosi e dell'isteria. Tornato a Vienna,dopo essersi reso conto della scarsa efficacia terapeutica delle cure di Charcot, si avvicinò alle tesi di Joseph Breuer, che utilizzava l'ipnosi in modo quasi antitetico a quello dello studioso francese. Con Beuer, Freud instaurò una collaborazione, durata fino al 1895, dalla quale egli ricavò numerose acquisizioni, tuttora essenziali per la terapia dell'ipnosi, che vennero raccolte nell'opera “Studi dell'isteria” del 1895. Alla base di queste acquisizioni vi era il tentativo dei 2 studiosi di 'sbloccare' la psiche del paziente tramite la rievocazione di un fatto biografico del suo passato di cui lo stesso non aveva ricordi. Nel tentativo di interpretare questi eventi passati "rimossi" dalla coscienza, Freud si staccò dall'ipnosi, elaborando teorie indipendenti che portarono alla classificazione della psiche in inconscio, preconscio e coscienza, oltre ad un'ulteriore divisione in entità quali l'es, l'io e il super-io. Freud si avvalse di tecniche innovative quali le associazioni libere, formulò in modo nuovo la tecnica per l'interpretazione dei sogni e, allo scopo di tentare una sorta di verifica delle sue teorie, si dedicò per quasi tutta la vita all'autoanalisi. Nel 1902, in collaborazione con Bleuler, Eitington e Jung, pubblicò la prima rivista di studi comuni, e pochi anni dopo, nel 1910, fondò l'Associazione Ufficiale degli psicoanalisti.Il suo lavoro gettò le basi della psicoanalisi, e, dopo le iniziali difficoltà, ottenne il riconoscimento accademico (Freud fu infatti professore all'Università di Vienna dal 1920). Nel 1923 freud avvertì i primi sintomi di un male mortale: un cancro alla mascella. Sostenuto dall'amata figlia Anna, nonostante tutto, egli continuò il suo lavoro di scrittore e analista rifiutando ogni genere di cura. Nel 1938, Sigmund Freud fu costretto ad abbandonare Vienna a causa delle persecuzioni antisemite e si rifugiò a Londra, dove morì il 23 settembre del 1939. OPERE PRINCIPALI La bibliografia di Freud è amplissima ed quindi possibile citare soltanto le sue opere maggiori come Studi sull'isteria (1895), L'interpretazione dei sogni (1900), Psicopatologia della vita quotidiana (1901), Tre saggi sulla