Il progresso tra 800 e 900: tesina maturità

Appunto inviato da stevelecci Voto 7

Tesina di maturità per l'istituto tecnico industriale sul progresso tra l'800 e il 900 (27 pagine formato doc)

PROGRESSO TRA 800 E 900: TESINA MATURITA'

Premessa: L'argomento della mia tesina è stato scelto partendo dalla letteratura italiana, dall'autore che più mi ha entusiasmato, di cui condivido molte idee, ed è Giovanni Verga.   Il periodo storico coincide, tra i vari avvenimenti, con la seconda rivoluzione industriale, in italia e in inghilterra;    è un argomento che mi ha subito interessato, soprattutto perchè, durante una mia esperienza lavorativa in inghilterra della scorsa estate, ho avuto modo di riscontrare i grandi progressi tecnologici di entrambe le rivoluzioni industriali, ma in particolare della seconda.
Il tutto può benissimo allacciarsi alle restanti materie tecniche:
sempre verso la fine del 1800 sono stati scoperti i raggi X,  utilizzati anche per il controllo di pezzi meccanici come gli alberi.  Gli alberi vengono lavorati spesso al tornio, che ha bisogno degli utensili per eseguire la lavorazione.  Inoltre, nei motori e nei sistemi automatici, sono tenuti sotto osservazione dai trasduttori di posizione o di velocità angolare.

L'Italia tra l'800 e il 900: riassunto

PROGRESSO IN LETTERATURA ITALIANA

Letteratura italiana: Giovanni Verga:  la vita, le maggiori opere e il pensiero
Giovanni Verga è una delle figure più importanti della letteratura italiana, e in particolare della letteratura di fine ottocento.
Nato a Catania nel 1840  era un verista, quindi le sue idee erano basate sulla fiducia nella scienza, nel metodo sperimentale e negli strumenti infallibili della ricerca.
Egli fin da giovane ebbe una vita abbastanza travagliata, soprattutto intorno ai vent'anni, quando i mille di Garibaldi furono spediti per l'unificazione dell'Italia;   inoltre visse anche i primi anni del fascismo.
Dopo laureato lasciò la Sicilia a causa della critica che non apprezzava i suoi romanzi e si trasferì a Milano, dove iniziò a subire le influenze veriste.  Iniziò a comporre le sue prime opere letterarie, tra cui "Una Peccatrice", che parlava del forte amore che egli provava per una donna;   altra opera fu "Storia di una capinera", che riscosse un discreto successo, e raccontava di una ragazza che rinunciò all'amore per un uomo perchè fu costretta a diventare suora.
Più tardi, a Firenze, conobbe Luigi Capuana, uno degli scrittori più importanti del Verismo italiano.  Egli lo spinse a leggere le opere naturaliste dello scrittore e saggista francese Emile Zola, che in seguito lo appassionarono e lo influenzarono nella stesura delle sue opere.

Tesina di maturità sul progresso

PROGRESSO NELLA LETTERATURA ITALIANA DEL 900

Con Luigi Capuana discusse sulla cultura naturalista francese, che basa la conoscenza sull'osservazione, sulla sperimentazione e sulla verifica.
Così iniziò a comporre seguendo i canoni naturalisti:
la prima opera di questo genere fu "Nedda", una novella che racconta la vita di una povera ragazza che viveva grazie a un piccolo lavoretto, raccogliendo olive per un benestante.
l'altra opera di questo genere fu "Rosso Malpelo", che ebbe grande successo.
Molte delle sue opere furono pubblicate in due raccolte, ossia "Novelle rusticane" e "Vita dei Campi".