L'illusione del sogno

Appunto inviato da chiarax87 Voto 6

Approfondimento multidisciplinare presentato agli esami di maturità linguistica 2006/2007: tra gli argomenti, "Freud e l'interpretazione dei sogni", il "Nazismo", "La coscienza di Zeno" di Italo Svevo (23 pagine formato doc)

Sommario

FILOSOFIA Sigmund Freud e l'interpretazione dei sogni

ITALIANO Italo Svevo  "La coscienza di Zeno"

ARTE
Salvador Dalì  "Sogno causato dal volo di un'ape"

INGLESE
  John Keats  " La belle dame sans merci"

FRANCESE  Paul Verlaine  " Mon rêve familier"

SPAGNOLO  Antonio Machado  "Soledades"

STORIA 
Il Nazismo e il sogno del 3° Reich


PREFAZIONE

ILLUSIONE proiezione in ambito immaginario di elementi che non troveranno corrispondenza nella realtà.

SOGNO attività psichica che si svolge durante il sonno; speranza o desiderio vano e inconsistente, vagheggiamento della fantasia, esperienza vissuta al di fuori della coscienza.
Utilizzando parole semplici, che cosa sono i sogni? I sogni sono l'insieme di tutti i nostri desideri più o meno repressi e si manifestano durante la notte, quando la parte razionale della nostra mente non è attiva. I sogni "vivono" in quella parte di noi chiamata inconscio ovvero la sfera più profonda della psiche di cui noi non abbiamo coscienza, ma che condiziona i nostri affetti e i nostri comportamenti.
Il mondo onirico è sempre stato per l'uomo qualcosa di incomprensibile, qualcosa da dover scoprire e comprendere.

Il primo ad affrontare l'interpretazione dei sogni fu nei primi anni del 1900 Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi.
 Prendere coscienza di ciò che ci accade durante il sonno significa anche affrontare le proprie paure, le proprie debolezze. Il più delle volte, però, i sogni non sono altro che illusioni: quante volte ognuno di noi svegliandosi la mattina si è ricordato qualcosa di particolarmente positivo, ha aspettato durante la giornata che accadesse rimanendo poi deluso?