La seconda metà del 900: tesina di maturità

Appunto inviato da fabiomanna92 Voto 8

Storia e tecnologia nella seconda metà del 900: tesina di maturità sulla Guerra Fredda, Montale, S.p.A., storia dei Modem, progetto tdp, PIC 16F877, amplificatori Operazionali e gli integrali (33 pagine formato pps)

SPECIALE MATURITA' 2017

1° scritto | 2° prova | 3° prova| Orale | Tesina | Voto

LA SECONDA META' DEL 900: TESINA DI MATURITA'

La seconda metà del novecento: tra storia e tecnologia. La guerra fredda. Con la fine della seconda guerra mondiale gli stati vincitori firmarono la carta di San Francisco, sottoscritta il 26 giugno del 1945 da 51 paesi. Essa diede vita all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU).
L’ONU aveva l’obbiettivo di preservare le generazioni future dal flagello della guerra.
Durante la seconda guerra mondiale l’Europa era stata semidistrutta  ed  impoverita.
La Germania e l’Italia erano state sconfitte, l’Inghilterra e la Francia si erano molto indebolite in guerra, e la Spagna e il Portogallo erano ancora sotto la dittatura di Franco e Salazar.
A contendersi la supremazia sul mondo divennero USA e URSS.
Le divergenze politiche contribuirono a inasprire i rapporti tra le due nazioni.

Seconda metà del 900: tesina di terza media

GUERRA FREDDA

Nel 1947 il giornalista Walter Lippman poté coniare il termine “guerra fredda” per indicare la situazione di non guerra-non pace che vi era tra le due superpotenze.
Esse combattevano tra di loro con le armi della diplomazia, della propaganda ideologica, dell’esibizione degli armamenti o intervenendo nei conflitti nelle aree periferiche del globo.
La differenza tra le due nazioni era comunque netta. Gli USA erano nettamente superiori ai sovietici.
Già dopo la conferenza di Yalta (1945) si era configurata una divisione in sfere di influenza fino a diventare blocchi contrapposti.
Stalin nel febbraio del 1946 pose fine alla “tregua ideologica” e Churchill il mese dopo affermò che una “cortina di ferro” si estendeva in Europa, dal Mar Baltico al Mar Adriatico. Truman dichiarò l’intenzione degli stati uniti a voler difendere la propria sicurezza ovunque fosse minacciata e a difendere tutti i popoli liberi.
Gli Stati Uniti applicarono la strategia del contenimento  che consisteva nell’arginare ogni tentativo di espansione dell’influenza sovietica e del comunismo.
Con i trattati di pace di Parigi del 1946 la Germania fu divisa in quattro zone d’occupazione, persino Berlino, pur trovandosi all’interno della zona sovietica, fu divisa in quattro settori.
Nella primavera del 1948 Francia Inghilterra e USA introdussero una moneta unica prefigurando un’unificazione delle zone d’occupazione.
I sovietici reagirono bloccando le vie di accesso a Berlino. Tramite un ponte aereo gli occidentali riuscirono a rifornire la città per più di un anno.
Il 5 maggio del 1949 nacque la Repubblica federale tedesca e pochi mesi dopo la Repubblica democratica tedesca.
Nel 1949 la rivoluzione in Cina finì a favore del comunista Mao Zedong a discapito di Chiang Kai-shek. Nacque la repubblica popolare cinese.
L’ordine internazionale era comunque stabile grazie anche all’armamento nucleare raggiunto dall’URSS nel 1949.

Donne nel 900: tesina

TESINA MATURITA'

Il modello della relazioni internazionale era:
bipolare;
globale;
ideologico;
“a sovranità sospesa”;
bloccato.
In occidente nel 1947 venne attuato il piano Marshall che il 9 aprile del 1949 sfociò nel patto atlantico (Nato)
Dal 1950 al 1954 venne applicata in USA la “caccia alle streghe”
L’URSS impose la sovietizzazione agli stati satelliti. Agli stessi venivano fatte requisizioni e confische.
Dal 1947 l’Unione Sovietica trasformò in dominio il proprio controllo economico e politico sull’Europa orientale.