L'autostima: definizione di psicologia

Appunto inviato da giadagrezzani Voto 6

Tesina in power point sull'autostima: definizione, categorizzazione, teorie, formazione, concetto recente, interpretazioni letterarie (Kafka e Svevo) e l'importanza del corpo (24 pagine formato pps)

L'AUTOSTIMA: DEFINIZIONE DI PSICOLOGIA

L’autostima. “Un fiore che va annaffiato ogni giorno”
Indice: Definizione, Teorie, Un concetto recente, L’importanza del corpo, Categorizzazione, Formazione, Interpretazioni letterarie di Kafka e Svevo. Definizione. L’etimologia della parola proviene dal latino “aestimare” il cui significato si esprime nella duplice eccezione di “determinare il valore di” e “avere un’opinione su”. L'autostima è, quindi, la valutazione positiva o negativa che ognuno ha di sè, che esprime la misura in cui una persona si considera capace, importante e di valore. Per concetto di "sé" si intende solitamente la rappresentazione che l'individuo ha di se stesso. Si tratta di una specie di autoritratto, formato da attributi personali.

L'autostima: definizione e caratteristiche


AUTOSTIMA: PSICOLOGIA DELLA SICUREZZA IN SE'

Attributi personali: Gli attributi personali si possono classificare in cinque categorie:
TRATTI PERSONALI; STATUS; MODELLI INTERNI; STANDARD PERSONALI; POSIZIONI RISPETTO A STANDARD ESTERNI.
Il concetto "di sé", però, non è un semplice elenco di attributi personali.
Questi fanno parte di un quadro organico di tutti di fattori inerenti al concetto di sé.
VALUTAZIONE DI SE STESSI: Abbiamo bisogno di valutarci principalmente per due ragioni: sottoporci a verifica e incoraggiarci.
L'attività di valutazione è molto complessa: in questa operazione intervengono una molteplicità di standard diversi. I principali sono tre:
STANDARD PERSONALI IDEALI;
STANDARD PERSONALI NORMALI;
STANDARD SOCIALI.

Concetto di sè e la costruzione dell'autostima


AUTOSTIMA COS'E'

Tipi di autostima:
Autostima globale/specifica;
Autostima alta/bassa;
Autostima vera/falsa:
la vera autostima passa sempre attraverso la comprensione si se stessi,  infatti:
deve basarsi sulla perfetta conoscenza dei propri punti di forza e dei  propri punti deboli;
deve mantenere i punti di forza;
deve portarci a migliorare nei punti deboli;
deve consentirci di avere obbiettivi sfidanti, ma realistici;