Seconda Rivoluzione industriale: tesina

Appunto inviato da lauraeccher Voto 7

La Seconda rivoluzione industriale si verifica a partire dalla metà dell'800 fino agli anni 70, ma dopo un periodo di depressione provoca nuove importanti trasformazioni nell'assetto economico e sociale. Tesina di storia sulla Seconda Rivoluzione industriale (7 pagine formato doc)

SPECIALE MATURITA' 2017

1° scritto | 2° prova | 3° prova| Orale | Tesina | Voto

SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: TESINA

La seconda rivoluzione industriale si verifica a partire dalla metà dell’800 fino agli anni ’70, ma dopo un periodo di depressione provoca nuove importanti trasformazioni nell’assetto economico e sociale. Rispetto alla precedente rivoluzione è decisamente più sviluppata a livello geografico (si estese in quasi tutta l’Europa, gli Stati Uniti d’America e i nuovi mercati toccarono tutto il mondo).
Inoltre, la seconda caratteristica fondamentale di questo rivoluzione è che coinvolse diverse industrie e non solamente quella tessile come era accaduto nella prima; infatti, oltre all’industria tessile, venne coinvolta anche l’industria siderurgica, quella meccanica e quella dei trasporti.
Non va dimenticato neanche che gli investimenti furono di gran lunga maggiori rispetto a quelli che erano stati fatti per la Prima rivoluzione industriale. A partire dal 1830 l’Europa ebbe un quarantennio di notevole sviluppo economico; venne per questo motivo definita la “locomotiva” della rivoluzione industriale.

Seconda Rivoluzione Industriale: riassunto breve


SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, TESINA TERZA MEDIA

A capitanare il continente europeo c’era la Gran Bretagna che svolse appunto un ruolo guida all’interno del contesto europeo.
Questo forte sviluppo fu dato principalmente da due fattori: il consolidamento dell’egemonia inglese e la rapida crescita a livello economico degli altri paesi europei.In ogni stato europeo si verificò una diversa realtà economico-industriale: per esempio in Francia ci fu un forte sviluppo dell’industria laniera e del cotone che portò all’impiego di macchinari costosi. Questo fattore portò al fallimento delle piccole imprese a gestione familiare, mentre si rafforzarono le grandi manifatture meccanizzate. La Germania invece ebbe un grande sviluppo grazie all’accordo di unificazione doganale* che era stato firmato nel 1834; in questo stato si ebbe una maggiore quantità di investimenti ed un enorme aumento della produzione industriale ed anche qui fallirono le imprese a carattere familiare mentre si rafforzarono le grandi industrie.

Sintesi della Rivoluzione industriale


SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE INVENZIONI

Austria, Italia e Russia nonostante ebbero un percorso di sviluppo industriale più lento esso incise non solamente a livello economico ma anche all’interno della struttura sociale e politica. L’Italia era particolarmente indietro rispetto al resto  dell’Europa a causa della situazione economica che era ancora di tipo precapitalistico.L’attività predominante rimane l’agricoltura, in cui si possono comunque notare i primi progressi di sviluppo tecnico, specialmente in pianura padana, Lombardia, Veneto, Piemonte e Romagna.
Nell’Italia meridionale i latifondi non vengono sfiorati dal progresso poiché i proprietari aristocratici e borghesi non escono dall’inerzia tradizionale mentre i contadini vivono in una condizione di grandissima povertà.