Bullismo al femminile

Appunto inviato da nikistar90
/5

Lo sviluppo del bullismo al femminile (1 pagine formato doc)

Il fenomeno del "bullismo", passato inosservato per lungo tempo, ma in realtà da sempre esistito, è oggi di grande attualità, Il fenomeno del "bullismo", passato inosservato per lungo tempo, ma in realtà da sempre esistito, è oggi di grande attualità, Spesso non gli si dà molta importanza perché lo si confonde con i normali conflitti fra coetanei.
Ultimamente si è notata una crescita e uno sviluppo eccessivo del bullismo femminile, infatti se precedentemente erano solo i ragazzi a fare i bulli e le femmine ad esserne vittima adesso le bambine da vittime passano ad “aggressori”.secondo alcuni dati iniziano intorno ai 9-10 anni quando pronte ad imitare i loro compagni maschi iniziano a ricattare , prendere in giro ,e ad emarginare qualcuno dal gruppo se diverso da loro e tal volta anche alzando le mani. hanno sete di potere e guai a chi non sta dalla loro parte.
Il bullismo femminile si manifesta in maniera più subdola perchè è meno basata sullo scontro fisico e maggiormente caratterizzata dall'aspetto verbale e indiretto. Risulta comunque altrettanto dannoso e pericoloso rispetto al bullismo maschile. Il movente del bullismo al femminile è la gelosia, o peggio, l'invidia. Di solito la “bulla “ si atteggia come una regina e viene circondata da una serie di amiche ovviamente scelte da lei isolando chi non le è gradita. Le vittime risultano essere per lo più degli individui molto sensibili e calmi, che quasi mai prendono in giro i propri compagni; sono più deboli dal punto di vista fisico, sono insicuri e se vengono "attaccati" reagiscono chiudendosi in se stessi oppure scoppiando in lacrime. Per la vittima diventa difficile chiedere aiuto, perchè il comportamento bullistico femminile e molto meno evidente di quello maschile e spesso si pensa che la vittima sia timida e quindi tende ad isolarsi per questo Circa il 40 per cento degli iscritti alle elementari dichiara di aver subito qualche angheria. E alle medie la situazione peggiora. Tra gli adolescenti un bullo su sei è femmina.