Appunti sulla figura della donna

Appunto inviato da wonderland208
/5

la figura della donna da un punto di vista biologico, psicologico, sociologico, storico.. approfondimento poetica Saba e Woolf (23 pagine formato doc)

Appunti sulla figura della donna - L’idea di questa tesina è nata da un commento ironico dei miei amici sulle difficoltà che avevo nel far benzina alla macchina.
Mi sono chiesta se davvero fossi poco portata da un punto di vista biologico, se era dovuto alla poca familiarità che avevo quel periodo con la macchina o la loro frase era uno stereotipo legato all’idea della donna nella nostra società.
Approfondendo gli studi in biologia durante l’anno ho notato che la professoressa non aveva mai accennato a discrepanze nel funzionamento tra il cervello maschile ed il cervello femminile, pur sottolineando differenze a livello di incidenza delle malattie.

Leggi anche Tema sulla donna di ieri e di oggi

Mentre i miei studi progredivano, ho avuto modo di imbattermi piu volte negli stereotipi sulle donne durante il percorso di Storia.
Unendo questi due percorsi è stato facile intuire in che modo formare la mia tesina. Questo scritto non vuole essere una rivendicazione femminista sulle occasioni negate, colte in modo parziale o sulle ingiustizie storiche e legate alla società, ma un’analisi oggettiva dell’immagine della donna, delle sue potenzialità e, attraverso le figure femminili rese protagoniste, dell’opinione che abbiamo di noi stesse.

Leggi anche Tesina maturità sulla donna

Attraverso l’analisi biologica, psicoanalitica, storica e sociologica ho cercato di trovare il filo conduttore che ha portato ai nostri giorni e all’immagine che danno di noi.
La questione dell’inferiorità femminile è sempre stata considerata un dato di fatto.
Le teorie scientifiche, invece di analizzare la realtà dei fatti e trarne conclusioni, cercavano conferme dell’evidente inferiorità del “sesso debole”.
3.1 Bischoff e Mobius: Teorie misogine.

Leggi anche La donna nell'Islam

Per quasi tutto il XX secolo la maggior parte degli scienziati riteneva che le donne fossero “uomini piu piccoli”. Questo presupposto era alla base dei maggiori fraintendimenti scientifici e psicologici.