Uso della bilancia a due piatti

Appunto inviato da piccolakoko
/5

Corretta da un prof perfetta per essere usata, con immagini (2 pagine formato doc)

Bellinati Laura, 6/10/05, 10/10/05, 13/10/05 Bellinati Laura, 12/12/2005.
Gruppo: Bellinati Laura, Murgia Sara, Bulgarelli Francesca, Tagliavini Federico. Classe 1°S anno scolastico 2005/2006. Uso della bilancia a due bracci Obiettivi: prendere consapevolezza del significato di massa. Materiale necessario: bilancia a due bracci, pesetti (il minore è di 0,01 g) custoditi in massiera (scatola con dentro i pesetti), pinze, biglia, cilindro in metallo, bullone, chiodo,livella. Procedimento: -si mette in bolla la bilancia usando la livella, cioè si fa in modo che la bilancia sia su una superficie perfettamente orizzontale, per fare questo si muovono i piedini del sostegno in legno della bilancia finché le bolle presenti nella livella siano al centro delle due righe apposite; -si raddrizza l'indice muovendo le viti micrometriche e si fa in modo che corrisponda perfettamente con lo 0 (taratura); -si appoggia delicatamente il primo oggetto (bullone) su un piatto della bilancia e, usando le pinze, si mettono i pesetti sull'altro piatto; -si rende operativa la bilancia girando la manovella e si guarda dove si trova l'ago; -se l'indice è sullo 0 o si muove in modo simmetrico significa che il peso dell'oggetto è uguale al peso del pesetto o alla somma di più di essi; - se il piatto della bilancia con dentro l'oggetto è più in alto di quello con i pesetti significa che i pesetti sono più pesanti dell'oggetto quindi bisogna diminuirli, invece se i bracci si trovano nella posizione contraria significa che l'oggetto è più pesante dei pesetti e per questo bisogna aggiungerne; -questo procedimento si effettua anche per gli altri oggetti. Dati: Tabella n.
1 peso di ogni pesetto usato per pesare i vari oggetti. dato 1 Dato 2 Dato 3 Dato 4 Dato 5 Bullone 10 g 5 g 0,05 g 0,02 g Cilindro in metallo 10 g 5 g 0,2 g 0,1 g 0,05 g Biglia 10 g 5 g 2 g 2 g 0,05 g chiodo 2 g 1 g 0,2 g 0,2 g 0,05 g Elaborazione dati: Bullone=10+5+0,05+0,02=15,07 g Cilindro in metallo=10+5+0,2+021+0,05=15,35 g Biglia=10+5+2+2+0,05=19,05 g Chiodo=2+1+0,2+0,2+0,05=3,45 g Errori o problemi e accorgimenti: -errori di misurazione; -errore di parallasse; -i pesetti si devono prendere con le pinze; -mentre si appoggino i pesetti bisogna rendere non operativa la bilancia; -bisogna usare con cautela i pesetti e la bilancia; -si parte dal pesetto più pesante e si diminuisce sempre senza saltare delle misure. Conclusione: -Si è presa consapevolezza che massare significa mettere a confronto l'oggetto da massare con oggetti campione. -Inoltre si è capito che la massa è una grandezza che misura la quantità di materia presente in un corpo e che è una grandezza estensiva, cioè dipende dalla grandezza dell'oggetto. -Si ha imparato ad usare una bilancia a due bracci. -Si è riusciti a massare quattro oggetti diversi di cui uno sferico.