Relazione sulla saponificazione

Appunto inviato da luciacapodieci
/5

relazione di chimica sulla preparazione del sapone realizzato nel laboratorio di chimica organica (4 pagine formato doc)

RELAZIONE SULLA SAPONIFICAZIONE

La Saponificazione.

Cenni teorici: Il sapone (solvente anionico) è generalmente un sale di sodio o di potassio di un acido carbossilico alifatico a lunga catena; viene prodotto e usato per sciogliere le sostanze grasse nei processi di pulizia.
Si prepara per mezzo di un processo denominato saponificazione, ovvero per idrolisi alcalina, di grassi di origine animale o vegetale che porta alla formazione del sale carbossilico (il sapone) eun alcol (generalmente glicerina).
Utilizzato come detergente, il sapone ha funzione di tensioattivo.

La molecola del sapone ha una testa idrofila ionizzata negativamente e una coda idrofobica.
Da secoli il sapone veniva prodotto in casa con pochi e semplici ingredienti ricavati naturalmente. Nella maggioranza dei saponi che si trovano in commercio ci sono additivi, coloranti, ingredienti chimici e anche sostanze che possono in realtà irritare.
Principalmente esistono due metodi per produrre il sapone:
- il metodo a freddo che sfrutta il calore naturale prodotto dalla reazione chimica;
- i metodi a caldo nei quali si ricorre a una fonte di calore esterna per accelerare la saponificazione.

Saponificazione di un grasso: relazione di chimica


SAPONIFICAZIONE: RELAZIONE DI CHIMICA

Si usa la soda caustica (idrossido di sodio, simbolo chimico NaOH) per produrre saponi solidi mentre il potassio caustico (idrossido di potassio, simbolo chimico KOH) si usa per i saponi liquidi.
Materiali: â–ªSpatolina â–ªBecher â–ªBacchetta di vetro â–ªContenitore di forma rettangolare  â–ªMixer â–ªCarta forno â–ªOcchiali protettivi â–ªGuanti
Reagenti: â–ªOlio di Semi â–ªSoda caustica â–ªOlii essenziali â–ªAcqua
Preparazione: Metodo a freddo
Pesare i tre reagenti necessari:
- servendosi di spatola e bilancia tecnica pesare 117g di soda caustica in un becher (previa tara);
-servendosi di bilancia tecnica ed un becher, versare l’olio nel becher ed effettuare una pesata da 890g (previa tara), è importante ricordare che 1L di acqua non corrisponde ad 1L di olio causa le loro differenti densità.
-versare in un ulteriore becher 300g di acqua.

Saponificazione: teoria ed esperimento di chimica


PREPARAZIONE DEL SAPONE IN LABORATORIO

Solubilizzare la soda caustica pesata, nei 300g di acqua pesati. Servirsi di una bacchetta di vetro per facilitare l’operazione, una volta che la soluzione diviene trasparente la solubilizzazione è completata.
Indossare gli occhiali di protezione e i guanti durante la procedura, prestare molta attenzione ad eventuali schizzi.
La reazione che si sviluppa è detta esotermica in quanto rilascia calore fino a 80° gradi.
Aspettare che la soluzione contenente soda caustica e acqua si raffreddi, dunque versarla nel becher di dimensioni maggiori contente olio di semi.
Con una bacchetta di vetro agitare.

Reazione di saponificazione: esperienza di laboratorio


PREPARAZIONE DEL SAPONE: RELAZIONE

Utilizzare un mixer per miscelare la soluzione inglobare aria nella stessa. Immergere il mixer nella soluzione ed effettuare movimenti rotatori per almeno 5 minuti.
Una volta terminate l’operazione aggiungere qualche goccia di Olii essenziali per profumare.
Versare il prodotto in un contenitore di forma rettangolare rivestito di carta forno, ricoprirlo con un panno e lasciarlo riposare per una settimana.
Dopo una settimana tagliare ‘a fette’ di dimensioni uguali il sapone, e lasciarle asciugare completamente per un mese circa.