Relazione di chimica sull'enzima catalasi

Appunto inviato da flon88
/5

Seguendo un preciso schema spiega come agisce l'enzima catalasi (la mia prof. l'ha considerata perfetta!) (1 pagine formato doc)

Untitled TEORIA PRATICA ______________________ ______________________ 1.
Bisogna dimostrare la presenza di enzima catalasi in organismi animali e vegetali 2. Dimostrare che il gas ottenuto dalla reazione chimica è realmente ossigeno 3. Dimostrare l'efficacia dell'enzima catalasi al di fuori del suo range di Ph Perossido di idrogeno Enzima catalasi = permette di scindere il perossido di idrogeno in acqua e ossigeno secondo la seguente reazione: 2H2O2 2H2O + O2 Bicchieri di plastica Fegato di pollo Cuore di pollo Carota Acqua ossigenata Campana di vetro Accendino Candela Succo di limone Farina Tintura di iodio Osserviamo che l'Enzima catalasi è presente in quantità maggiori negli organismi animali rispetto a quelli vegetali; Infatti possiamo notare che l'acqua ossigenata a contatto con il fegato e con il cuore di pollo sviluppa una reazione molto più evidente in quanto viene prodotta una grande quantità di schiuma. Ciò sta ad indicare l'avvenuta scissione in acqua e ossigeno del perossido di idrogeno.
Constatiamo inoltre che il gas prodotto dalla reazione è ossigeno poiché il tempo di combustione della seconda candela è nettamente superiore al tempo di combustione della prima. Ad ulteriore dimostrazione dell'avvenuta scissione e quindi della reale presenza d'acqua le pareti del contenitore si appannano e si ricoprono di vapor d'acqua. Successivamente, acidificando l'ambiente, dimostriamo che l'enzima al di fuori del suo ottimale range di Ph (6-8) denatura e non svolge più le sue funzioni. Questo lo si può dedurre dal fatto che il fegato e il cuore, immersi nel succo di limone a contatto con il perossido di idrogeno producono pochissima schiuma Nella prima parte dell'esercitazione abbiamo posto il fegato, il cuore di pollo e la carota in 3 differenti bicchieri di plastica, riempiendoli con acqua ossigenata. Abbiamo lasciato trascorrere del tempo del tempo, constatando che nei bicchieri contenenti il fegato e il cuore di pollo si è venuta a creare della schiuma sulla superficie, evidenziando la presenza dell'Enzima Catalasi. Mentre nel bicchiere contenente la carota, tale fenomeno non si è manifestato. Nella seconda parte dell' esperimento abbiamo posto sotto una campana di vetro una candela accesa; il suo tempo di combustione è stato di 2 minuti e 36 secondi. Abbiamo ripetuto il medesimo esperimento, ponendo sotto la campana di vetro la candela e un bicchiere contenente fegato di pollo e acqua ossigenata. In questo caso, il tempo di combustione si è raddoppiato (5 minuti e 20 secondi) in quanto ha consumato anche l'ossigeno presente all'interno del bicchiere. La terza parte dell'esercitazione si è invece svolta ponendo all'interno di un contenitore d'acqua miscelata con tintura di iodio, un sacchetto di plastica chiuso contenente farina. Trascorsa una giornata abbiamo constatato che la tintura di iodio era penetrata all'interno del sacchetto.