Relazione di laboratorio di chimica: cromatografia di vegetali ed inchiosto

Appunto inviato da gman89
/5

Relazione di laboratorio di chimica in seguito ad esperimenti. (2 pagine formato doc)

S S.I.E.S.
A. Spinelli A.S. 2003/2004 Relazione di laboratorio CHIMICA 3 Franchitti Andrea, Martin Giacomo, Watson Edward, Francardo Carlo 23/10/2003 CROMATOGRAFIA DI VEGETALI ED INCHIOSTRO Occorrente: un mortaio, degli spinaci, dell'alcool etilico, della carta da filtro, un beker, una bacchetta di vetro, del nastro adesivo ed un coperchio. Per prima cosa abbiamo triturato una foglia di spinaci con il mortaio. Dopo abbiamo versato una piccola quantità d'alcool etilico ed abbiamo triturato ancora un po'. Poi abbiamo preso una piccola quantità del miscuglio (omogeneo) e l'abbiamo posata sulla carta da filtro. Tagliata in questo modo: Miscuglio I taglietti ai lati servivano a far defluire i pigmenti verso l'alto così da formar una scia verticale che, in teoria doveva avere i seguenti colori: Arancione Carotene Giallo Xantofille Verde chiaro Clorofilla Verde scuro A noi, però ci sono venuti i colori sono solo fino al giallo.
I termini di destra sono le sostanze che compongono gli spinaci. Per vedere queste sostanze abbiamo dovuto immergere la striscia di carta da filtro in un beker contenente l'alcool etilico. Ma la striscia non doveva toccare in fondo e per far questo abbiamo attaccato la striscia con il nastro adesivo su di un coperchio che poi veniva appoggiasto sul beker. Poi abbiamo provato con l'inchiostro rosso e ci sono venuti colori differenti a noi un po' insoliti: Rosa fluorescente Blu Inchiostro rosso Conclusioni: Alla fine dell'esperienza abbiamo visto che la foglia di spinaci è composta da varie sostanze come il carotene, presente in gran parte nelle carote, e che l'inchiostro rosso è composto dal rosa e dal blu. Obbiettivo: Separazione delle sostanze attraverso la cromatografia. Teoria: La cromatografia consiste nella separazione dei componenti da una miscela attraverso un solvente.