Fondazioni dirette e indirette e murature portanti e di tamponamento

Appunto inviato da isapple
/5

Appunto di costruzioni rurali idoneo sia per le superiori che per l'università (3 pagine formato doc)

Le fondazioni dirette appoggiano direttamente sul terreno e possono essere classificate in: Le fondazioni dirette appoggiano direttamente sul terreno e possono essere classificate in: -a plinto: si realizzano in presenza di carichi non eccessivamente elevati e terreni ad elevata portanza quando le strutture verticali della costruzione sono costituite da pilastri.
Tipico di gran parte delle strutture prefabbricate dell'edilizia zootecnica e in generale nei capannoni agricoli nei quali la maggior parte del peso si scarica a terra attraverso i pilastri. Il pilastro è un allargamento della base della colonna in ampiezza tale da ripartire il carico in funzione della portanza del terreno.
La forma troncopiramidale è preferibile per la distribuzione progressiva del carico su tutta la sezione del plinto:con un angolo di inclinazione >45° si può utilizzare calcestruzzo non armato dato che si può ipotizzare un solo lavoro di compressione; con un angolo inferiore il plinto è sottoposto anche a forze di taglio e compressione e quindi deve essere armato. -a cordolo: è una fondazione continua che si realizza generalmente quando anche la struttura verticale che trasmette i carichi è continua come in presenza di murature portante. Essa si estende quindi per tutta la lunghezza della muratura in elevazione. L'angolo di base della sezione trapezoidale deve risultare >55° se non armato, tra 55° e 40° se armato. La profondità della fondazione è condizionata dalla necessità di raggiungere un terreno di buona portanza; oltre 1,5-2,0m però non risultano più economiche. Prima di iniziare la realizzazione della parete sulla fondazione viene collocato uno strato di materiale impermeabile, per evitare che l'umidità del terreno si trasmetta alla muratura. -a trave rovescia: per edifici a struttura intelaiata su terreni a buona portanza. Sono fondazioni realizzate in cemento armato e possono essere considerate l'immagine rovesciata di una comune trave. Differiscono dalle fondazioni normali a cordolo per la presenza dell'anima di irrigidimento o costola di sezione rettangolare, della stessa larghezza della parete o dei pilastri, avente la funzione di resistere alle sollecitazioni di taglio e flessione. L'armatura principale posta alla base della fondazione è formata da una serie di ferri sistemati in direzione normale all'asse longitudinale, collegati tra loro da ferri ripartitori di minor diametro. -a platea: si utilizza in condizioni operative precarie, come ridotta portanza del terreno e per fabbricati di altezza superiore a 3-4piani dove può essere necessario creare una piattaforma di fondazione continua sotto tutto il fabbricato con nervature principali in corrispondenza dei pilastri ed eventuali nervature intermedie tra queste se le luci delle diverse campate sono superiori a 3,5-4,0m Si definiscono indirette le fondazioni che presentano una sottofondazione di collegamento con il terreno. Ciò avviene quando la portanza del terreno negli strati superficiali è bassa e qua