Tesina: la storia e lo sviluppo della pallavolo

Appunto inviato da scorpi86
/5

Già nell'antichità esistevano giochi con la palla che possono essere considerati i predecessori della pallavolo. Le regole, i fondamentali e la storia della pallavolo (5 pagine formato doc)

Cenni storici
Già nell'antichità esistevano giochi con la palla che possono essere considerati i predecessori della pallavolo.
In Italia una specie di pallavolo era giocata nel Medioevo e le sue origini possono essere ricercate addirittura in antichi giochi greci e romani. In Germania fu introdotto nel 1893 un gioco chiamato Faustball (Pallapugno), ma il merito della costruzione della pallavolo in forma moderna va riconosciuto a William Morgan, istruttore di educazione fisica presso un college dell'YMCA di Holyoke, nel Massachusetts (Usa). 


Morgan nel febbraio 1895 radunò alcuni insegnanti nel college di Springfield per la dimostrazione di un nuovo sport, da lui chiamato Mintonette (da minon, micio, che era stato il nome di un gioco con la palla praticato da nobili e dame due secoli prima in Francia). Con l'aiuto di due squadre composte da 5 membri avvenne il battesimo di un nuovo gioco sportivo con caratteristiche profondamente diverse dagli altri sport in voga a quel tempo.
Una caratteristica peculiare era quella di non prevedere il contatto fisico tra i partecipanti, per cui la destrezza, la prontezza dei riflessi, la capacità di concentrazione e l'agilità prendevano il posto della qualità fino ad allora primaria nelle attività sportive: la forza. Lo sport era quindi destinato ad atleti non più massicci e pesanti, bensì agili, con una buona elevazione, capaci di destreggiarsi nel gioco acrobatico. Fu però Alfred T. Halstead a cambiare il nome di mintonette in Volleyball. Egli riuscì ad imporre questo sport nei college YMCA sparsi un po' in tutti gli Stati Uniti. Due anni dopo la pallavolo si praticava anche nella maggior parte dell'America del Sud. Tra il1895 e la metà del 1900, la pallavolo si diffonde in tutto il mondo ma con variazioni di regole da paese a paese. Nel 1947 a Praga viene fondata la Federazione Internazionale Volley Ball (FIVB) e a Parigi (dal 18 al 20 aprile, con la partecipazione di Belgio, Brasile, Cecoslovacchia, Egitto, Francia, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Ungheria, Uruguay, Usa e Yugoslavia) si tiene il primo congresso della FIVB e viene ufficialmente approvato il primo regolamento internazionale che unifica le regole del gioco europee e quelle americane. Il primo presidente della FIVB sarà il francese Paul Libaud fino al 1984.


Nel 1948 si svolge a Roma il primo campionato europeo e l'anno seguente a Praga è la volta del primo campionato mondiale. Nel 1955 il CONI riconosce la Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV) come membro effettivo e solo due anni più tardi essa sarà riconosciuta ufficialmente anche dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO). Campo di gioco: il campo di gioco è composto da 2 sezioni di 9 x 9 metri, per un totale di 18 x 9 metri. La superficie di gioco deve essere piana e uniforme, così da non presentare nessun pericolo per i giocatori. Le linee che delimitano il campo devono essere di larghezza 5 cm e devono avere un colore contrastante col terreno.