IL POSTINO

Appunto inviato da gina05
/5

RECENSIONE DEL FILM DIRETTO DA MASSIMO TROISI E MICHEAL RADFOR, COMPLETA DI TRAMA, DESCRIZIONE DEI PERSONAGGI PRINCIPALI E SECONDARI, TEMI CHE IL REGISTA HA AFFRONTATO NEL FILM, MESSAGGIO DEL REGISTA E COMMENTO PERSONALE. (4 pagine formato doc)

IL POSTINO IL POSTINO Anno: 1994 Regia: Massimo Troisi, Michael Radford TRAMA: Il film è ambientato alle soglie degli anni cinquanta, in un'isoletta sperduta del golfo di Napoli, abitata da gente semplice e povera.
La storia racconta l'amicizia tra Mario Ruoppolo (Massimo Troisi), un giovane insoddisfatto della sua vita, abitante dell'isola e Pablo Neruda, un famoso autore di versi d'amore e di politica, comunista, accolto in Italia, sull'isola, a seguito dell'esilio a cui lui e sua moglie erano stati condannati dalla loro patria, il Cile, per le idee comuniste. Durante il suo soggiorno sull'isola, riceve talmente tanta posta, da ogni parte del mondo, che viene assunto un suo postino personale, Mario.
Quest'ultimo è incuriosito da Neruda soprattutto per la sua capacità di conquistare il cuore delle donne, così il postino né ricerca l'amicizia. Tra i due si instaura così un forte legame che il poeta diventa per Mario oltre che un maestro anche un padre. Neruda senza accorgersene rispondendo alle molte domande di Mario sulla poesia e le sulle metafore, da all'ingenuo amico la possibilità di cambiare l'ideologia della sua vita, cominciando ad apprezzarne la bellezza e la bontà. Nel frattempo si innamora di Beatrice Russo, nipote dell'ostessa del paese, che riesce a conquistare, grazie all'aiuto di Neruda ma soprattutto della poesia; i due si sposano e hanno un figlio, Pablito. Dopo il matrimonio, il poeta ritorna in Cile, molto amareggiato nel lasciare l'amico. Tornerà solo molti anni dopo per trovarlo ma intanto il piccolo poeta è morto in una manifestazione in piazza; al suo ritorno Neruda troverà solo il piccolo Pablito e Beatrice che gli diede una cassetta dove Mario aveva registrato per lui i suoni della sua piccola isola. I personaggi principali del film sono MARIO RUOPPOLO e PABLO NERUDA: MARIO RUOPPOLO E' il protagonista del film, interpretato da Massimo Troisi. Mario è un ragazzo ingenuo e semplice, che aveva speso la sua gioventù facendo il pescatore come il padre e come, del resto tutti gli abitanti dell'isola; ma è insoddisfatto della sua vita e del suo lavoro perché pensava che fare il pescatore, gli avrebbe ridotto le possibilità di inserimento con il mondo esterno, così decide di cercare lavoro come postino. Viene assunto, non come un postino qualunque ma come il postino del famoso poeta Neruda. Man mano che entra in confidenza con il poeta compie un ideale percorso verso la poesia, al quale il suo animo ingenuo e semplice si apre con naturalezza: durante i suoi primi giorni di lavoro osserva attentamente le abitudini del famoso poeta e né resta affascinato, così cerca di instaurare un rapporto con lui. Mario comincia a leggere un libro di poesie del poeta, dapprima per curiosità ma poi si appassionò ad esso; gli chiese di fargli un autografo sul suo libro di poesie, il poeta gliela fece, ma in modo molto formale e Mario, pensando di essergli diventato amico ci resta molto deluso e amareggiato. Un giorno incontra il poeta su una spia