Come scrivere una relazione di fisica o chimica

Appunto inviato da andreazambo
/5

Difficoltà a scrivere una relazione sull'ultimo esperimento di laboratorio? Qui troverai suggerimenti e la scaletta da seguire per redarre un'ottima relazione. Inoltre, un approfondimento sul calcolo degli errori sui dati ricavati e sull'utilizzo di programmi per elaborarli, come Open Office e Excel (2 pagine formato doc)

Come scrivere una relazione
Per prima cosa tenete presente che lo scopo di una relazione è descrivere l’esperimento e i risultati che avete ottenuto.
Ciò deve essere fatto in modo chiaro e completo, specificando tutti i passaggi dell’esecuzione, senda dare nulla per scontato. Se avete dubbi se la descrizione che avete fatto sia facilmente comprensibile e inequivocabile, chiedetevi: “Riuscirei a capire quello che è stato svolto nell’esperimento semplicemente leggendo la mia relazione? Partendo dalla relazione sarei in grado di riprodurre l’esperimento?”

Per scrivere una buona relazione conviene suddividerla in paragrafi secondo questo schema:
1. Titolo
2. Obbiettivo/scopo dell’esperimento
3. Materiale e strumenti utilizzati (è bene specificare la sensibilità e, se si conosce, la portata degli strumenti
4. Montaggio dell’apparecchiatura (solitamente è molto utile fare un disegno schematico per spiegare più chiaramente come sono collegate le varie componenti)
5. Descrizione dell’esecuzione


6. Dati raccolti (è bene inserire in questa sezione tutti i dati sperimentali raccolti con il proprio errore; se volete potete scriverne alcuni già nella sezione “Materiali e strumenti”, ma è bene riprenderli poi qui; conviene, inoltre, suddividerli in tabelle, solitamente di più immediata lettura)
7. Elaborazione dei dati (in questa sezione si inseriscono tutti i calcoli fatti per raggiungere l’obiettivo dell’esperienza, associando a ogni risultato l’errore corretto; in alcuni casi, si può completare l’elaborazione con grafici o istogrammi)
8. Risultati e conclusioni (riassumiamo i risultati ottenuti nella sezione precedente; sulla base di essi traiamo le nostre conclusioni, dicendo se l’esperimento è riuscito oppure no e commentando i risultati)
9. Osservazioni (cosa possiamo migliorare? Se l’esperimento non è riuscito, quali possono essere le motivazioni?)


.