L’effetto Joule.

Appunto inviato da vil
/5

Verifica sperimentale dell’effetto Joule. (2 pagine formato doc)

Titolo: L’effetto Joule.
Scopo : Verifica sperimentale dell’effetto Joule.
Strumenti utilizzati:  Voltmetro(V) con sensibilità e portata regolabile ; Amperometro(A) con sensibilità e portata regolabile;
Termometro digitale con sensibilità decimale; Cronometro con sensibilità centesimale ; Cilindro graduato con sensibilità decimale .
Materiali utilizzati: Conduttori ; Resistenza di costantana  ; Un generatore con voltaggio regolabile; Un interruttore; Cavetti di collegamento; Un calorimetro; Un agitatore.
Sostanze utilizzate: 150 grammi di acqua.
Cenni teorici:  
L'effetto Joule, anche detto effetto termico o legge di Joule, è un fenomeno per cui un conduttore attraversato da una corrente elettrica dissipa energia sotto forma di calore in funzione dell'intensità della corrente elettrica che lo attraversa.
In termini matematici si può scrivere la prima legge di Joule come segue:
 Dove:  P è la potenza dissipata; V è la tensione ai capi del circuito; I è la corrente (intensità di corrente, ovvero la quantità di elettroni passanti nella sezione di un conduttore nell'unità di tempo) che vi circola.
Nel caso di un resistore, si può riscrivere utilizzando la Legge di Ohm come:
Dove R è la resistenza del circuito.
In un sistema ideale, l’energia trasformata in calore da un conduttore attraversato da una corrente elettrica, è pari al lavoro effettuato nel sistema , ovvero il calore Q (Q=cs.m.     t ) è uguale a L (L=q.      v L= i .t.       V).

.