L'Isola di Arturo: riassunto

Appunto inviato da ali070301
/5

L'Isola di Arturo di Elsa Morante: riassunto dettagliato (2 pagine formato doc)

L'ISOLA DI ARTURO: RIASSUNTO

L'isola di Arturo di Elsa Morante.

Arturo. Arturo è il protagonista del libro “L’isola d’Arturo” di Elsa Morante, che, ambientato a Procida, narra la storia di questo ragazzo cresciuto orfano d’affetti senza conoscere l’amore, fino a quando nella sua vita entra una donna che cambierà ogni sua concezione. Ho deciso di svolgere il lavoro ripercorrendo ogni passo della vicenda mantenendo l’attenzione sul mutamento del protagonista.
Il padre si chiama Wilhelm Gerace, anche lui come il figlio ha avuto un’infanzia difficile, non si sa che lavoro fa, il figlio crede che viaggia per il mondo e invece non è assolutamente così.
La madre ha avuto una breve vita poiché è morta giovanissima partorendo l’unico figlio, di lei Arturo non ha che una vecchia foto che conserva di nascosto. Questa mancanza della figura materna ha influito molto sulla sua vita che, pur avendo anche un padre, non ha mai ricevuto affetto, crescendo solo. Da piccolo fu allevato da una balia di nome Silvestro, che gli insegnò anche a leggere e scrivere, ma quando il bambino si rivelò autosufficiente, Silvestro lasciò la casa di Arturo. Il suo rapporto con il padre è molto strano, anzi possiamo dire che non vi è proprio. Da parte di Arturo c’è un forte sentimento, attende tutti i giorni l’arrivo del padre e quando ciò avviene è molto contento.

L'isola di Arturo di Elsa Morante: recensione

L'ISOLA DI ARTURO: TRAMA BREVISSIMA

Wilhelm viaggia molto, non comunica mai al figlio la data del suo ritorno, il quale ogni giorno attende l’arrivo del piroscafo al porto senza perdere mai la speranza. Approfittando di una biblioteca presente in casa, Arturo legge molto, soprattutto il genere epico e personifica nel padre un eroe che viaggia per il mondo per lunghi itinerari alla ricerca di nuove avventure. Oltre che a leggere Arturo passa le sue giornate girando per l’isola assieme al cane di nome Immacolatella, che è l’unica presenza femminile nella casa. L’ultima donna che vi era entrata era stata la madre del bambino che però in breve tempo era morta. Così il ragazzino e il padre odiano le donne e le disprezzano, le credono persone molto brutte, con delle linee deformi quasi demoniache. Questa profonda ostilità sarà covata dal protagonista fino all’arrivo della matrigna.

L'ISOLA DI ARTURO: RIASSUNTO BREVISSIMO

Arturo ha ormai quindici anni quando un giorno il padre, prima di partire per uno dei suoi viaggi, gli comunica che sarebbe tornato di lì a pochi giorni con la sua sposa. A questa notizia, il giovane inizia a ripensare alle sue letture incarnando nella figura della matrigna una persona brutta e malvagia, infatti, fin dal loro primo incontro, prova odio nei suoi confronti. Cerca di evitarla il più possibile a meno che non sia il padre a costringerlo, la osserva molto disprezzando ogni suo gesto o parola, e qualsiasi cosa le riguardi.