Alda Merini: biografia breve e poesie

Appunto inviato da 123marta
/5

Breve biografia, poesie e opere di Alda Merini: riassunto (1 pagine formato doc)

ALDA MERINI: BIOGRAFIA

Alda MeriniAlda Merini nasce a Milano il 21 marzo 1931.

La famiglia è composta dal padre, funzionario delle Assicurazioni Generali Venezia, dalla madre casalinga, da una sorella maggiore e un fratello minore. Non potendo frequentare il liceo Manzoni perché respinta in Italiano, compie gli studi superiori all'Istituto professionale Laura Solera Mantegazza e, contemporaneamente, si dedica allo studio del pianoforte.
Inizia a comporre le prime liriche a quindici anni e il primo, autentico incontro con il mondo letterario avviene l'anno successivo, quando le sue poesie furono lette da Giacinto Spagnoletti. Proprio nel '47 la Merini inizia a frequentare la casa di Spagnoletti, dove conosce Giorgio Manganelli, che fu un vero maestro di stile per lei, e il suo primo grande amore.

Alda Merini: poesie

ALDA MERINI: POESIE

Il '47 è anche l'anno in cui si manifestano i primi sintomi di quella che sarà una lunga malattia: viene internata per un mese nella clinica Villa Turro e, una volta dimessa, riceve l'aiuto degli amici più cari.
Nel '50 Spagnoletti pubblica nell'antologia Poesia italiana contemporanea 1909-1949 le due liriche Il gobbo e Luce.

L'anno successivo, le stesse liriche, insieme con altri due componimenti, vengono incluse da Vanni Scheiwiller nel volume Poetesse del Novecento, su consiglio di Eugenio Montale e Maria Luisa Spaziani. Già da questi primi componimenti si intuiscono quelli che saranno motivi ricorrenti nella poetica della Merini: l'intreccio di temi erotici e mistici, di luce e di ombra, il tutto però amalgamato da una concentrazione stilistica notevole, che nell'arco degli anni lascerà spazio a una poesia più immediata, intuitiva.

Le osterie di Alda Merini: testo, analisi e commento

ALDA MERINI: OPERE

Nel 1993 ha ricevuto il Premio Librex-Guggenheim "Eugenio Montale" per la Poesia. Nel 1996 ha vinto il Premio di Viareggio.
Nel 1997 il Premio Procida-Elsa Morante.
Nel 1999 il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Settore Poesia.
Nel 2001 è stata candidata dal Pen Club Italiano al Premio Nobel per la poesia.