"Avatar" di James Cameron

Appunto inviato da davideventu
/5

Relazione e commento del film campione d'incassi uscito nelle sale cinematografiche nel 2009 (1 pagine formato doc)

"Avatar" è un film di fantascienza ambientato nell'anno 2154 su di un pianeta chiamato "Pandora", dove gli umani, smaniosi di sfruttare i giacimenti minerari presenti nel sottosuolo, si scontrano con la popolazione locale dei Na'vi, degli umanoidi alti tre metri e ricoperti da una pelle blu striata.

Pandora è un mondo incontaminato, con foreste pluviali e alberi alti più di trecento metri ma con un atmosfera non respirabile dall'uomo.
Per questo gli scienziati hanno creato degli "avatar", degli ibridi genetici tra umani e Na'vi: attraverso una speciale macchina, un uomo può collegare i propri sensi alla creatura, immedesimandosi in essa e controllandola esattamente come fosse il proprio corpo.

Jake Sully, un ex-marine invalido, viene chiamato dalla compagnia interplanetaria RDA a sostituire suo fratello, uno scienziato che avrebbe dovuto guidare uno degli avatar ma che, purtroppo, era stato ucciso in una rapina; pur non avendo ricevuto l'addestramento necessario, Jake accetta l'incarico. Durante un'escursione nella foresta Jake incontra Neytiri, una guerriera Na'vi che riconosce in lui i segni di Eywa, la divinità del suo popolo.
Neytiri lo introduce alla sua comunità e gli fa conoscere il suo speciale rapporto con la natura. Una volta accolto nella tribù, Jake si innamora di Neytiri e viene ricambiato; non riesce tuttavia a evitare che l'RDA sferri un attacco militare ai Na'vi, distruggendo la loro sede per potersi appropriare del giacimento sul quale era stanziata. Jake si schiera dalla parte dei nativi e guida in prima persona la rivolta, riuscendo infine a rispedire sulla Terra gli invasori e unendosi definitivamente alla comunità dei Na'vi.

Il protagonista della vicenda è Jake Sully. Egli è costretto a muoversi su di una sedia a rotelle da quando ha perso l'uso delle gambe in un incidente; accetta quindi di buon grado il compito di guidare un avatar, per poter avere di nuovo la possibilità di camminare. Mentre all'inizio Jake viene presentato come un opportunista (gli altri piloti di avatar avevano dovuto sopportare anni di duro addestramento e simulazioni), egli dimostra invece di avere, oltre ad uno straordinario coraggio, anche una mentalità aperta e tollerante, motivo per cui deciderà di cercare di imparare tutto ciò che può dalla popolazione straniera dei Na'vi invece di disprezzarla e discriminarla come faceva la maggior parte dei suoi superiori.

Seguendo la storia si assiste ad un radicale cambiamento da parte del protagonista.