Nebbia di Pascoli: analisi, parafrasi e commento

Appunto inviato da bordeeeela
/5

Nebbia: analisi della metrica, parafrasi e commento della poesia di Giovanni Pascoli (2 pagine formato doc)

NEBBIA PASCOLI

Nebbia
ASPETTI METRICI:
TIPO DI COMPONIMENTO: E’ costituita da cinque strofe di sei versi (novenari, trisillabi e senari)
SCHEMA DI RIME: Sono rime caratteristiche con schema ABC CBA

Nebbia di Pascoli: analisi e figure retoriche

NEBBIA PASCOLI METRICA

SCANSIONE IN SILLABE DEI PRIME TRE VERSI.:
“Nas/con/di/le/co/se/lon/ta/ne/
tu/neb/bia im/pal/pa/bi/le e/scial/ba/
tu/fu/mo/che an/co/ra/ram/pol/li”
La sinalefe si ha quando la vocale finale di una parola si fonde con la vocale iniziale della parola successiva.

Es.
„..neb/bia im/pal..“
L’Enjambment si verifica quando un’espressione, anziché concludersi alla fine del verso, continua nel verso seguente. Es. “la siepe dell’orto” (v.9-10).

Nebbia di Pascoli: analisi del testo

NEBBIA PASCOLI PARAFRASI

Parafrasi: Nascondi le cose lontane, tu nebbia impalpabile e incolore, tu fumo che sali all’alba, tu assomigli a un fumo che si ha con la tempesta e a un fumo che si ha con le catastrofi cosmiche.
Nascondi le cose lontane e per me nascondi il passato lontano che mi ricorda la morte dei miei cari. Che io veda solo la siepe di questo orto, il muro che è pieno di crepe piene di piante spontanee.
Nascondi le cose lontane: le cose sono piene di pianto! Che io veda solo le piante che danno le dolci marmellate per il povero pane.
Nascondi le cose lontane che mi ricordano gli antichi affetti e che mi dicono di andare! Che io veda solo quella strada bianca che un giorno dovrò percorrere accompagnato dal suono infelice delle campane.
Nascondi le cose lontane, nascondile, sottraile ai desideri e ai sogni del mio animo. Che io veda solo il cipresso e solo quest’orto vino a cui sonnecchia il mio cane.