Il pensiero dominante: analisi e commento

Appunto inviato da saracaldini94
/5

Il pensiero dominante: commento e analisi della celebre poesia di Giacomo Leopardi (1 pagine formato pdf)

IL PENSIERO DOMINANTE: COMMENTO

Il pensiero dominante
DATAZIONE: Composto a Firenze nel 1831/32
COMMENTO - Il pensiero della donna amata si è impadronito della mente del poeta dalla quale ha allontanato tutti gli altri pensieri.

Ora solo questo pensiero giganteggia come un torre in un campo deserto ; fuor d’esso ogni altra occupazione, i rapporti usuali, gli svaghi e la speranza di un piacere illusorio sembrano privi di senso. Esso attira l’anima come una verde pianura lo sguardo del viaggiatore che la contempla dalle vette sassone e brulle dell’Appennino (vv 1-36).
Sembra incredibile al poeta l’aver tollerato l’infelicità della vita e la stoltezza degli uomini senza rivolgere il pensiero dell’amore: da quando sperimentò cosa fosse la vita, non ebbe mai timore della morte; oggi che è innamorato , essa gli pare un gioco: se lo minaccia, le risponde sorridendo (vv 37-52).
Spregiatore dei vili, ora egli si sente superiore alla sua età, volta al conseguimento dell’utile e negatrice dell’amore, sentimento nobile e disinteressato, al cui confronto gli altri sentimenti sono bassi appetiti (vv 53/79).

Giacomo Leopardi: analisi delle poesie più importanti

IL PENSIERO DOMINANTE LEOPARDI: ANALISI

Senza l’ amore la vita non ha senso né pregio: è l’unica cosa che la rende tollerabile. Per cogliere le gioie d’amore il poeta sarebbe disposto a soffrire per lunghi anni, perché il bene di amare giustifica anche le pene della nostra arida esistenza (vv 80/99).
L’amore è come un sogno che ci eleva e ci distacca dalla realtà e a questa, che invece distrugge le altre illusioni, resiste fino alla morte.
La vista reale di altre donne amate in passato era solita spegnere in lui le illusioni; ora invece provoca l diletto e il delirio della fantasia, domina il suo pensiero.
Che altro può chiedere, che altro sperare se non contemplare gli occhi dell’amata, se non avere come cosa più dolce il pensiero di lei? (vv 117/147).
METRO : canzone libera

Giacomo Leopardi: analisi poesie

IL PENSIERO DOMINANTE: ANALISI E COMMENTO

ANALISI: Fin dalle giovanili Memorie del primo amore il Leopardi ha osservato e descritto gli effetti della passione amorosa.
Ma nella canzone del 1823 il poeta canta l’idea platonica della donna, nel Pensiero dominate una passione bruciante per una donna reale ( senza alcuna concessione al gusto realistico cui il tema poteva condurlo ), un’esperienza definita.
Le strofe più valide sono le ultime tre, in cui il poeta, superata ogni volontà titanica, si abbandona alla dolcezza dell’immaginazione ; ne nascono i versi più melodici nei quali si placa il ritmo sostenuto della canzone.

.