Il giorno della civetta: recensione e messaggio dell'autore

Appunto inviato da mikeledj Voto 6

Recensione de Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia: struttura e trama, tempo, spazio, personaggi, narratore e focalizzazione, lingua e stile, messaggio dell'autore e contesto storico del romanzo (2 pagine formato doc)

IL GIORNO DELLA CIVETTA: RECENSIONE E MESSAGGIO DELL'AUTORE

Relazione. Elementi paratestuali: “Il giorno della civetta” (1961) di Leonardo Sciascia. Struttura e trama: La storia può essere divisa in otto parti:

  1. Nella prima pagina del libro viene descritto l’omicidio di Salvatore Colasberna.
  2. La polizia interroga i testimoni ma nessuno sa niente.(OMERTA’)
  3. Compare un nuovo personaggio,Parrinieddu,il confidente, che dalle circostante è costretto a convivere con la Mafia e con lo Stato.
  4. Un possibile testimone dell’ omicidio, Paolo Nicolosi, scompare. La moglie sostiene che lui aveva parlato di due spari e detto un soprannome: Zicchinetti. La polizia scopre che egli è Marchica, un ex carcerato con numerosi precedenti penali.
  5. Il confidente viene ucciso, ma prima riesce a mandare delle lettere al capitano in cui ci sono i nomidi due mafiosi :Pizzico e Don Arena.
  6. Pizzuco, Marchica e don Arena vengono arrestati e interrogati. Presto però la polizia dovrà rilasciare Marchica perché ha un alibi.
  7. La polizia rilascia anche gli altri 2 sospetti e Bellodi decide di non occuparsi più del caso.
  8. Un giorno il capitano incontra dei suoi vecchi amici a Parma con io quali discute amareggiato della Sicilia e alla fine decise di ritornarci per difendere la sua patria dalla mafia.

Il giorno della civetta: commento e significato

IL GIORNO DELLA CIVETTA TEMATICHE

L’ autore ha deciso di far coincidere il rapporto fabula-intreccio, infatti l’ ordine è cronologico, tuttavia in alcune parti troviamo dei flashback come quello a pag42. a proposito della sparizione di Nicolosi vengono ricostruite le circostanze dell’uccisione di Colasberna e la fuga dell’assassino e a pag. 56. Presentazione di Marchica e delle sue malefatte. Dal rapporto si deduce di quante protezioni gode Marchica.
TEMPO: l’ autore non vuole precisare gli anni in cui è ambientata la vicenda, ma si intuisce dopo il 1955, ci dice invece che incomincia il 16 gennaio alle 6.30 e finisce nel 1972. Quindi la durata è di circa 17 anni.

Il giorno della civetta: recensione del film

IL GIORNO DELLA CIVETTA MESSAGGIO DELL'AUTORE

L’ordine è cronologico. Ritmo narrativo:questo romanzo è caratterizzato dall’ avere alcuni sommari, durante i flashback, poche ellissi e molte digressioni (specie di paesaggi). La tecnica più usata è la scena, nei vari dialoghi e interrogatori. Da ciò possiamo dedurre che il ritmo è molto lento, anche se qualche volta viene velocizzata da sommari ed ellissi.
SPAZIO: L’ autore ha dato molta importanza alla descrizione dei luoghi. Le digressioni
sono ampie , dettagliate e occupano molto spazio nel testo. Troviamo ad esempio descrizioni di Parma, del comando, dei vari viaggi di Bellodi, ecc…
Le 3 principali città dove si svolge la vicenda sono Roma, Palermo e Parma. L’ autore nomina anche 3 paesi siciliani, ma solo le loro iniziali: B., C., S.. Altri luoghi nominati dall’ autore sono: p.za Garibaldi, Montecitorio, il commissariato di polizia, i luoghi degli interrogatori, la fermata del pullman.

Il giorno della civetta: recensione e commento

IL GIORNO DELLA CIVETTA PERSONAGGI

Personaggi. I personaggi sono descritti mediamente per le loro caratteristiche esteriori, per il loro ruolo nel romanzo e le sensazioni, la psicologia, degli stessi viene fuori poco a poco, con il susseguirsi di avvenimenti e di dialoghi.
Personaggi principali: capitano Bellodi (protagonista), il confidente Parinieddu, i 3 fratelli Colasberna, Diego Marchica, Nicolosi, Don Arena, Pizzuco, Dibella.
Personaggi secondari: il bigliettaio, l’ autista, il maresciallo, il tabaccaio, Scarantino, la moglie di
Nicolosi, ministro Pella, Nenni, Fanfani, Brescianella.
La presentazione è indiretta, in quanto l’ autore ci lascia intuire come sono i personaggi da quello che fanno o dicono.