Relazione sulla spinta di Archimede

Appunto inviato da anni89
/5

Relazione sulla spinta di Archimede (4 pagine formato doc)

Scopo dell' esperimento: 1)verificare l'esistenza della spinta di Archimde; 2)misurare il valore della spinta di Archimede, che è pari al peso del volume di un fluido spostato o alla differenza P-Pa; 3)ricercare la relazione esistente tra le due grandezze che entrano in gioco.
Strumenti utilizzati: base di appoggio; asta metallica, astina metallica, morsetto; dinamometro sensibilità:1gr/P portata:100gr/P pesetti; cilindro graduato sensibilità:2ml portata:250ml Procedimento: 1° fase (immersione in alcool). Dopo aver preparato l'apparecchiatura necessaria sul banco di lavoro, abbiamo agganciato il portapeso al dinamometro, appeso a sua volta all'asta metallica, per derivarne la tara che è risultata essere di 20gr/P. Abbiamo quindi appeso il primo pesetto per misurane il peso allo asciutto e successivamente immergendolo, quello immerso.
Avendo messo nel cilindro graduato di portata 250ml, una tara di 150ml, abbiamo anche rilevato il volume del corpo mediante spostamento di alcool e quindi con la differenza tra vf e vI. Infine abbiamo calcolato la spinta dell'alcool tramite la differenza tra il peso all'asciutto e quello immerso (o apparente) Pa-PI. Raccolta dati: N Oggetto Pa(gr/p) Vi(ml) Vf(ml) ?V(ml) Pi(gr/p) Sa=Pa-Pi(gr/p) 1=Ogg. 20 150 154 4 15 5 2=Ogg. 40 150 158 8 33 7 3=Ogg. 60 150 160 10 51 9 4=Ogg. 80 150 162 12 70 10 Procedimento: 2° fase (immersione in acqua salata) Usufruendo dei medesimi pesetti, abbiamo sostituito la acqua salata all' alcol per verificare la variazione della spinta al variare delle sostanze in cui sono immersi i pesetti. Abbiamo ripetuto l'immersione nell'acqua salata per quattro pesetti differenti calcolandone Sa e ?V ovvero spinta e volume del corpo. Infine, abbiamo riportato i vari valori in una tabella specifica e dunque abbiamo cercato di trovare una relazione fra la spinta e il volume del corpo. Raccolta dati: N Oggetto Pa(gr/p) Vi(ml) Vf(ml) ?V(ml) Pi(gr/p) Sa=Pa-Pi(gr/p) 1=Ogg. 20 150 156 6 14 6 2=Ogg. 40 150 158 8 31 9 3=Ogg. 60 150 160 10 49 11 4=Ogg. 80 150 162 12 67 13 Elaborazione dati: Mettendo in relazione i valori di ?V e Sa, in primis dell'alcool e in seguito dell'acqua salata, abbiamo notato l'incremento costante delle due grandezze e di conseguenza abbiamo ipotizzato una proporzionalità diretta esprimendola in un grafico. 1)Alcool X y K 4 5 5/4 8 7 7/8 10 9 9/10 12 10 10/12 2)Acqua salata x y K 6 6 6/6 8 9 9/8 10 11 11/10 12 13 13/12 K= Sa = d*V*g = d*g = p.s. V V Conclusione: Con questa esperienza siamo riusciti a verificare l'esistenza della spinta di Archimede tramite l'osservazione del peso dello oggetto misurato in primis all'asciutto e, successivamente, immerso in alcool e acqua salata. Abbiamo notato che il corpo all'asciutto e quello immerso non hanno lo stesso peso, infatti, quello immerso risulta inferiore. Abbiamo, dunque, calcolato la spinta, tramite la differenza fra il peso del corpo all'asciutto e il peso del corpo immerso. Di conseguenza abbiamo messo in relazione la differenza di vo