Storiografia: Cesare e Sallustio

Appunto inviato da perluccia23
/5

Storiografia latina, l'annalistica e la memorialistica: riassunto su Cesare e Sallustio (8 pagine formato doc)

STORIOGRAFIA: CESARE E SALLUSTIO

La storiografia.

Nel mondo latino i testi anticipatori di questo genere sono le laudationes funebres cioè elogi funebri,e gli Annales pontifici maximi,compilazioni annuali redatti dai pontifici massimi e confluiti negli ottanta libri pubblicati da Publio Mucio.
Nel I sec a.C. si affermò la biografia,intesa come galleria di figure esemplari destinate ad edificare il lettore. Per quanto riguarda le vere opere auto-biografiche ebbero inizio con Emilio Scauro,politico e oratore di nobile famiglia,Rutilio Rufo console nel 105 a.C. e Quinto Lutazio Catullo,storico di grande valore che con i suoi commentari riuscì a contrapporre una storia che mirava solo ad edificare il lettore e una storia che rivolgeva il suo interesse a problemi di tecnica militare.
La storiografia si identificò ben presto come la registrazione di fatti e avvenimenti della vita degli individui  e delle società del passato. Tra le discipline è quella di più difficile definizione poiché il tentativo di scoprire gli eventi del passato implica da parte degli storici un continuo raccogliere e registrare gli eventi del passato,con informazioni che spesso risultano contorte e inesatte.

Le origini della storiografia latina: riassunto

ANNALISTICA E MEMORIALISTICA

L’annalistica e la memorialistica. Dopo Catone l’annalistica in greco scomparve,ma non morì. Ormai Roma era diventata l’unica grande potenza del Mediterraneo. Tutto iniziò a girare intorno a esse:non solo la politica internazionale,ma anche la cultura. Dopo la pubblicazione degli Annales pontefici maximi,l’annalistica latina ebbe una grande fioritura in questo periodo. La pubblicazione degli Annales mette quindi a disposizione dello storico gli archivi. L’accesso ai segreti degli archivi  pontificali consentì all’ informazione non solo di essere conservata in luoghi sicuri,ma anche di essere continuamente vagliata e accresciuta. Lo storico si sforza di controllare e analizzare le fonti;egli conosce cosi una quantità di eventi e di riflessioni che hanno avuto luogo prima che nascesse.La consultazione di fonti d’archivio è indice di una storiografia matura,frutto di una civiltà basata sulla scrittura.