Lisistrata: analisi

Appunto inviato da flon88
/5

La Lisistrata: analisi della commedia di Aristofane. Trama, personaggi, analisi critica e commento con citazioni dal testo (4 pagine formato doc)

LISISTRATA: PERSONAGGI

La Lisistrata di Aristofane.

Personaggi della commedia:
LISISTRATA
CLEONICE (amica di Lisistrata)
MIRRINA (amica di Lisistrata)
LAMPITO’ (amica di Lisistrata)
CORO DI VECCHI
CORO DI DONNE
UN COMMISSARIO
TRE DONNE
CINESIA (marito di Mirrina)
IL FIGLIO DI CINESIA E MIRRINA
UN ARALDO SPARTANO
UN AMBASCIATORE SPARTANO
DUE AMBASCIATORI ATENIESI

Donne e lavoro: tema

LISISTRATA: SIGNIFICATO DELLA VICENDA

Trama discorsiva. La vicenda della Lisistrata, l'unica delle commedie di Aristofane a recare nel titolo il nome del protagonista umano, è notissima: l'ateniese Lisistrata, per mettere fine alla lunga guerra del Peloponneso che travaglia la Grecia, convince tutte le donne elleniche a uno sciopero del sesso, di carattere ricattatorio; in appoggio a questo sciopero fa occupare dalle concittadine l'Acropoli, ove era conservato il tesoro della lega di Delo.

Di fronte a un ricatto del genere, connesso com'è a un bisogno primario, gli uomini della Grecia non possono che cedere. Gli spartani stessi vengono a offrire quella pace che per l'Atene del 411 a. C. - anno nel quale venne rappresentata la commedia - sarebbe stata provvidenziale, ancorché impossibile. (In tal modo la guerra viene smascherata in tutta la sua negatività, come privazione dei diritti naturali e della felicità comune e individuale) La vicenda termina con una celebrazione festiva, dalla quale, però, manca l'apoteosi della protagonista, a differenza di quanto avviene in altre commedie “utopiche” come gli Acarnesi, la Pace e gli Uccelli.

Le donne nella Grecia antica

LISISTRATA: ANALISI DEL TESTO

Trama a punti:
- Lisistrata raduna le donne di tutta la Grecia ad Atene per discutere la questione
- Dopo qualche contrasto con Lisistrata, tutte le donne accettano di non concedersi ai mariti prima della fine della guerra, giurando su una coppa d’oro
- Le donne occupano l’Acropoli
- Sbarrano i passaggi dell’Acropoli e detengono il tesoro della lega di Delo
- Gli uomini vengono a sapere dell’occupazione e alcuni propongono di farne un rogo
- Le donne si infuriano con gli uomini e giungono a insulti
- Arriva il commissario: le vuole legare tutte, ma le donne si ribellano e l’arciere che doveva tenerle in pugno scappa impaurito
- Le donne non resistono più e adottano qualsiasi metodo per scappare (una donna finge di essere sul punto di partorire indossando un elmo sotto il vestito
- Arrivano all’Acropoli molti uomini: tra questi anche Cinesia, marito di Mirrina
- Cinesia vuole riportare a casa la moglie
- Mirrina gli fa credere di tornare , ma alla fine non cede alle avances del marito
- Gli Spartani talmente eccitati, arrivano ad Atene per chiedere la Pace
- Lisistrata fa un discorso sull’inutilità della guerra
- Gli ambasciatori spartani e gli ateniesi accettano la fine della guerra
- Festino di fine commedia.
Analisi critica. Questa commedia è "il primo testo della cultura occidentale che affronti il problema dell'emarginazione femminile, senza limitarsi al lamento 'patetico', che ribadisce le catene, e senza offrire soluzioni giustificate dall'eccezionalità della personalità eroica e limitate ad essa. L'una e l'altra cosa aveva fatto Euripide, soprattutto nella Medea. E' già significativo che il problema della condizione femminile venga sfiorato o trattato esplicitamente nel teatro, connesso, secondo tradizione, al culto di Dioniso, il dio inquietante che è al di là di ogni determinazione, e dunque permette di sospendere i confini forniti dalla quotidiana e indiscussa stratificazione gerarchica dei soggetti morali. Il carattere dionisiaco dell'ambito ove si comincia a trattare il problema indica quanto esso fosse avvertito come temibile. La questione del potere femminile non è posta nei termini neutrali di un ampliamento della struttura partecipativa, ma è sempre connessa con il rischio di una dissoluzione dei limiti e delle formazioni proprie della cultura e di uno sconvolgimento della natura delle cose.

I movimenti femministi: riassunto