Didone Innamorata

Appunto inviato da jack90d
/5

Valida parafrasi del brano omerico: "Didone innamorata". (2 pagine formato doc)

REGISTRO INFORMATICO DIDONE INNAMORATA Ma è tormentata ormai la regina in preda a pesanti tormenti, ed è turbata da un forte dolore che brucia al suo interno, Le assediano la mente il valore di Enea e il suo glorioso nome: nel cuore ha impresso il suo volto, e la sua voce,ma il tormento che ha, non la fa dormire lo stesso.
Era ormai giorno, (vedi le varie metafore proposte sul libro) la notte e il buio erano spariti dal cielo; quando Didone parlò così alla sorella: “Oh Anna, sorella mia, dei sogni mi hanno sconvolta! E' arrivato un ospite straordinario (Enea) nel palazzo, egli ha portamento, coraggio e forza con le armi! Credo che egli non è di stirpe umana, ma di stirpe divina. Possiede un indole ignobile, il suo animo non è oscurato da nessuna paura.
Ma che destino possiede, con tutte le guerre che ha vissuto? Se non pensassi costantemente di non sposare nessuno dato che il mio primo amore finì con la morte del mio caro, e se non odiassi per sempre il matrimonio, forse avrei potuto soccombere a questo grande amore. Anna ti confesso che dopo la morte del mio povero sposo e dopo la strage dei miei fratelli che ha insanguinato la famiglia, solo Enea mi ha fatto provare di nuovo qualcosa per un uomo. Sai…io conosco fin troppo i segni dell'amore… Ma voglio che prima la terra mi accolga, che Giove mi colpisca, nel mondo dei morti (Ebro), o nella note profonda, prima che io spezzi il giuramento. Il mio sposo che mia ha presa per prima,assieme al mio amore, se lo tenga con sé dentro alla tomba!”. Così diceva e iniziò improvvisamente a piangere. Anna rispose: “ Oh mia amata più della luce, vorrai passare la gioventù da sola? E non gusterai la gioia dei figli e dell'amore dato e ricambiato? Pensi che tutto ciò possa far piacere a Sicheo? ( marito defunto) Nessuno, quando eri ancora straziata per la sua morte ti sposò e fu giusto: ne in Libia ne prima a Tiro. Hai respinto Iarba e (re della Numidia, nt 36, pag116) altri guerrieri nati in Africa, terra ricca di glorie. Ora vuoi rifiutare un amore gradito? Non ti ricordi in che parte dell' Africa ci troviamo? Qui ci sono città di getuli, stirpe invincibile in guerra, (nt 40, pag 116) inoltre intorno a noi ci sono i Numidi e l'inabitabile Sirti, poi nei deserti vi sono anche i Barcei furibondi. E la guerra di Tiro , (nt 42 e 43, pag 116) assieme alle ingiurie fraterne? So per certo che gli dei, tra cui anche la buona Giunone, condussero le navi di Troia proprio qua. Come vedrai che la città e il regno cresceranno, così anche queste nozze, aiutata da i troiani la città nostra si eleverà a splendore! Tu preoccupati soltanto di chiedere la pace agli dei, poi cerca di prolungare il soggiorno di Enea, inventando pretesti finché non sarà inverno e il mare sarà furioso; e dato che le navi sono malconce e il tempo cattivo, lui non partirà.” Con queste parole ella fece svegliare in Didone l' ardente amore, diede speranza al suo cuore insicuro e sciolse la paura. Prima le due sore