Il vecchio e il mare: recensione libro

Appunto inviato da simoturtle
/5

recensione del libro di Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare (3 pagine formato doc)

Il vecchio e il mare: recensione libro.

IL VECCHIO E IL MARE - L’AUTORE: Ernest Hemingway nacque il 21 luglio 1899 a Chicago da un’agiata famiglia protestante. Giornalista, durante la Prima Guerra Mondiale fu volontario nelle unità statunitensi in Italia (che gli ispirò il romanzo “addio alle armi”, 1928). Si sposò ben quattro volte e nel 1954 ottenne il premio Nobel per la letteratura.

Leggi anche Il vecchio e il mare: riassunto

La sua prima opera narrativa fu “il sole sorge ancora” (1926) seguita da romanzi come “avere e non avere”, “morte nel pomeriggio” (1932) e “per chi suona le campane” (1940) da cui è stato tratto anche un noto film. Dopo un periodo di silenzio, nel 1950 scrisse “di la dal fiume e tra gli alberi” e, nel 1952 uscì “il vecchio e il mare” il suo romanzo più famoso.
Dal 1961 cominciarono le sue crisi depressive finchè il 2 luglio 1961 si uccise con un colpo di fucile.

Leggi anche Scheda libro Il vecchio e il mare

ARGOMENTO DEL LIBRO - Un vecchio pescatore di nome Santiago, dopo 84 giorni trascorsi senza pescare nemmeno un pesce, si incontra con Manolin, un ragazzo suo allievo: purtroppo però il ragazzo non può più aiutarlo ed è costretto a lavorare su un’altra barca più fortunata. Il giorno dopo il vecchio esce in mare dopo aver dormito e sognato l’Africa con leoni liberi e tranquilli.