Programmi didattici per la scuola primaria

Appunto inviato da flowers84
/5

Il Decreto del Presidente della Repubblica 12 febbraio 1985, n. 104 (11 pagine formato doc)

Decreto del Presidente della Repubblica 12 febbraio 1985, n Decreto del Presidente della Repubblica 12 febbraio 1985, n.
104 PROGRAMMI DIDATTICI PER LA SCUOLA PRIMARIA Indice 1. Caratteri e fini della scuola elementare - Scuola elementare e continuità educativa- Principi e fini della scuola elementare- Educazione alla convivenza democratica 2. Una scuola adeguata alle esigenze formative del fanciullo - La creatività come potenziale educativo- La scuola come ambiente educativo di apprendimento- Diversità e uguaglianza- Alunni in difficoltà di apprendimento ed integrazione di soggetti portatori di handicap 3. Programma e programmazione - Le linee del programma- Programmazione didattica ed organizzazione didattica   PREMESSA GENERALE 1.
Caratteri e fini della scuola elementare Il dettato costituzionale.La scuola elementare ha per suo fine la formazione dell'uomo e del cittadino nel quadro dei principi affermati dalla Costituzione della Repubblica; essa si ispira, altresì, alle dichiarazioni internazionali dei diritti dell'uomo e del fanciullo e opera per la comprensione e la cooperazione con gli altri popoli.La scuola elementare che ha per compito anche la promozione della prima alfabetizzazione culturale, costituisce una delle formazioni sociali basilari per lo sviluppo della personalità del fanciullo, dà un sostanziale contributo a rimuovere "gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana" (art.3 Cost.) e pone le premesse all'esercizio effettivo del diritto - dovere di partecipare alla vita sociale e di "svolgere, secondo le proprie possibilità e le proprie scelte, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società" (art.4 Cost.). Scuola elementare e continuità educativa La scuola elementare attua il suo compito nell'ambito della "istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, obbligatoria e gratuita" (art.34 Cost.).La scuola elementare contribuisce, in ragione delle sue specifiche finalità educative e didattiche, anche mediante momenti di raccordo pedagogico, curricolare ed organizzativo con la scuola materna e con la scuola media, a promuovere la continuità del processo educativo, condizione questa essenziale per assicurare agli alunni il positivo conseguimento delle finalità della istruzione obbligatoria.In questa prospettiva un ruolo fondamentale compete anche alla scuola materna, che, integrando l'azione della famiglia, concorre; con appropriata azione didattica, a favorire condizioni educative e di socializzazione idonee ad eliminare, quanto più possibile, disuguaglianza di opportunità nel processo di scolarizzazione. Principi e fini della scuola elementare Scuola, famiglia, partecipazione.La scuola elementare riconosce di non esaurire tutte le funzioni educative: pertanto, nell'esercizio della propria responsabilità e nel quadro della propria autonomia funzionale favorisce, attraverso