La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio.

Appunto inviato da whiskies
/5

Riassunto dal libro "Politica economica" di Roberto Cellini, McGraw-Hill. (6 pagine formato doc)

La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio (cap La bilancia dei pagamenti e i tassi di cambio (cap.
XXIII°) Il mercato in cui vengono scambiate le valute di Paesi diversi prende il nome di mercato valutario (o mercato dei cambi), il mercato valutario rappresenta un “segmento” del mercato internazionale dei titoli finanziari. La bilancia dei pagamenti. La Bilancia dei Pagamenti (BdP) è un documento contabile che registra gli scambi economici che intercorrono, in un certo lasso di tempo, tra i residenti di un Paese e i residenti nel resto del mondo. Gli elementi che caratterizzano questa regola sono: La bilancia dei pagamenti è un conto, conto vuol dire che la BdP viene tenuta secondo le regole ragionieristiche della partita doppia (quindi la somma algebrica delle voci deve dare zero).
In attivo vengono indicate tutte le vendite (i cui proventi vengono poi registrati una seconda volta in passivo), in passivo vengono indicati tutti gli acquisti (i cui pagamenti vengono poi registrati una seconda volta in attivo). La bilancia dei pagamenti registra gli scambi economici. Durante un periodo di tempo, la bilancia dei pagamenti va sempre riferita a un arco temporale. Residenti e non-residenti, questo significa che nella bilancia dei pagamenti lo scambio deve riguardare un residente e un non-residente. La bilancia dei pagamenti si basa su: le registrazioni delle dogane; i dati valutari, trasmessi dalle banche, nei quali figurano le domande e le offerte di valute straniere; le stime delle spese effettuate da soggetti. La bilancia dei pagamenti presenta aspetti di interesse economico: la sezione delle partite correnti, che registra lo scambio di beni e servizi, nonché i trasferimenti unilaterali; la bilancia dei movimenti dei capitali finanziari, che registra lo scambio di attività e passività finanziarie. La somma algebrica delle due sezioni corrisponde all'esito della BdP (BP=PC+SMK). Se entrambi le sezioni sono in pareggio la BdP è in situazione di “pieno equilibrio”. La sezione della BdP in cui è registrato l'esito viene detta anche “bilancia monetaria” perché è relativa alla variazione delle riserve ufficiali del Paese. Schemi di bilancia dei pagamenti. Dal 1999 si segue lo schema della bilancia dei pagamenti proposta dal FMI a cui hanno aderito tutti i Paesi dell'area euro. Questo schema è così composto: il saldo commerciale è dato dalla differenza tra esportazioni e importazioni a cui vengono aggiunti l'esito del conto dei servizi (ad esempio: spese per trasporti, i premi assicurativi, i servizi da lavoro) l'esito dei trasferimenti (ad esempio: le rimesse degli emigrati, le riparazioni di guerra, i contributi da/per organizzazioni internazionali) si ottiene il saldo delle partite correnti. Le voci principali del conto dei capitali finanziari sono quattro: la compravendita di titoli azionari finalizzati al controllo di imprese (investimenti diretti), la compravendita di titoli (azionari e obbligazionari) operati