Tesina sulla carta e sul riciclaggio

Appunto inviato da mbgp88
/5

Carta e riciclaggio: tesina di scienze della natura. Con foto, dalla nascita alle conseguenze (4 pagine formato doc)

A proposito di carta L A P R O D U Z I O N E D E L L A C A R T A Nascita della carta Il primo vero antenato della carta fu il papiro ottenuto incollando assieme piccole strisce ricavate dal fusto della pianta omonima.
La causa che spinse l'uomo a mettere a punto un materiale come la carta fu il bisogno di disporre di qualcosa di comodo, maneggevole e poco costoso cui scrivere. La scoperta del procedimento per la fabbricazione della carta pare vada attribuita al cinese Ts'ai Lun che pensò di utilizzare ritagli di seta riducendoli in pasta e mescolandoli con acqua, tramite battitura; quindi questa pasta acquosa veniva filtrata con stuoie di bambù, ottenendo fogli di una certa consistenza che venivano posti al sole ad asciugare. In seguito la carta fu realizzata usando il libro del gelso e di altri vegetali.
le fettucce ottenute, una volta raschiata la corteccia, erano cotte con acqua e calce: si aveva cosi una pasta che, dopo il lavaggio in acqua, veniva sottoposta a battitura per separare bene le fibre.


La pasta, fortemente diluita, veniva introdotta in un tino dove s'immergeva una specie di straccio sul quale si depositavano le fibre; il foglio veniva poi pressato, staccato e asciugato all'aria. In un primo periodo veniva fabbricata dagli arabi secondo tecniche importate direttamente dall'estremo oriente; in un secondo tempo cominciarono a prevalere tecniche di derivazione italiana; in un terzo momento si affermò definitivamente la tecnica di fabbricazione di Fabriano. Nei secoli successivi le cartiere aumentarono ma la tecnica di produzione restò immutata fino a quando si utilizzò una nuova macchina per la produzione della pasta a fibre triturate ed una per la produzione di fogli di lunghezza illimitata. Il passaggio alla produzione industriale Il passaggio dalla produzione artigianale a quella industriale avvenne nella prima metà del 1800. Il primo tentativo fu fatto dal francese Robert che realizzò una macchina capace di produrre un foglio continuo di carta della lunghezza di 60 cm. La continua fu poi perfezionata da Fourdrinier e Donkin. Inizialmente, la materia prima era costiuita dai cenci e stracci usati, quando questi si dimostrarono insufficienti alla produzione della carta, la cui richiesta mondiale assumeva valori sempre crescenti, si iniziarono gli studi per la messa a punto di nuovi processi capaci di produrre, in grande quantità e a basso costo, quelli che saranno i succedanei della pasta di straccio.


Il primo materiale che sostituì in parte la pasta di straccio fu la pasta meccanica di legno. La direzione del progresso tecnologico si muove innanzitutto nell'ambito dei miglioramenti della produttività delle macchine continue e infatti di grande importanza sono i miglioramenti legati alla velocità e alla larghezza delle continue per carta;adesso ogni secondo la continua riesce a produrre fino a 30 metri di carta per una lunghezza di 10 metri.