Che cos'è l'arte?

Appunto inviato da robinjane
/5

Riassunto del libro "Che cos'è l'arte?" del prof Roberto Pasini (3 pagine formato doc)

CHE COS'E' L'ARTE

Analisi generale del concetto di arte e i punti di vista. 
- Due piani su cui porsi la domanda: DIMENSIONE INDEFINITA: arte è un fenomeno universale che comprende ogni espressione creativa; una PRATICA DISCIPLINARE, a sua volta divisa in sottopratiche: l'arte visiva.

Creatività nel primo caso. Creatività applicata nel secondo.
Esiste una dimensione di potenza, ovvero possibilità o disposizione, alla quale segue la dimensione dell'atto, che trasforma ogni potenzialità in prodotto. Atti di scrittura, musica, ecc.

-3 pdv (punti di vista) per focalizzare il concetto di arte: OPERATIVO, FENOMENOLOGICO, VALUTATIVO
OPERATIVO: coincide con la pratica dell'arte, il "fare", dal greco poiein da cui poietes, colui che fa; oppure dran, da cui dramma, azione
FENOMENOLOGICO: arte è ciò che viene chiamato arte: insieme delle opere che vengono rubricate come opere d'arte. Nn è possibile scartare ciò che nel tempo, ha ricevuto la definizione di arte.
VALUTATIVO: stabilire dei criteri per dare alle opere un lasciapassare o meno.
Operativo: ambito psicologico: arte come creatività , che si materializza grazie a una techne. Pdv che appartiene a colui che fa.
Fenomenologico: ambito oggettuale. Si constata l'esistenza e l'appartenenza delle opere alla sfera esperienziale dell'intenzionalità artistica. Piano quantitativo. Pdv che appartiene a chi fa e a chi prende atto
Valutatito: ambito critico: opere come espressione di una qualità, non quantità. Pdv che appartiene a colui che osserva, identifica la ricezione attiva, si trasforma in interpretazione critica.

Che cos'è l'arte per me: tema

ARTE SIGNIFICATO

CRONOTOPO E SUE APPLICAZIONI
-Relativismo culturale: ogni epoca storico-artistica tende ad offrire la propria versione dei fatti. Modello di riferimento per il 1700: epoca classica, esigenza di rigore e prdine. Per il 1800: medioevo, si preferiscono libertà formale e disordine. Futurismo: distruggere il passato. Anni del “richiamo all'ordine”: recupero della tradizione.

-Generazioni: ruolo fondamentale: alcune rompono col passato in maniera radicale, come le Avanguardie: Futurismo, Cubismo, Espressionismo, Astrattismo; altre proseguono con l'opera dei padri: anni 1960-70 recupero delle mozioni avanguardistiche e progressiste di inizio secolo da parte degli artisti legati al Concettualismo (=l'essenza dell'arte è nell'idea, nel precetto che precede e conforma l'opera); riscoperti i valori del passato, della storia e della pittura da parte degli artisti 1980 sostenitori poetica post-moderna.

Futurismo: ricerca di arte

ARTE SIGNIFICATO FILOSOFICO

-Cronotopo: base per l'interpretazione. Sintesi di spazialità e temporalità: topos e chronos. Ha un livello implicito, consustanziale all'opera e uno esplicito ovvero individuazione esatte coordinate spazio-temporali. Consente di stabilire:
1 ) COORDINATE STORICHE
2 ) CONTESTO CULTURALE
3 ) SITUAZIONE ARTISTICA
4 ) PROBLEMATICA INDIVIDUALE
5
6 1) es. Cubismo è iniziato nel 1907, un anno dopo + Cezanne; la conseguente retrospettiva parigina stimolò Picasso
7 2) omologie: uguaglianze funzionali di fenomeni anche assai diversi; affinità tra l'opera d'arte e la filosofia, la letteratura, la scienza, la tecnologia
8 3) diverse esperienze artistiche in uno stesso momento. Bisogna però distinguere il concetto generale di situazione artistica dai sottoinsiemi che lo compongono, classificabili in macro-situazioni e micro-situazioni. Es. distinguere l'Informale di Milano, di Bologna, di Roma.
9 4) La posizione peculiare di un artista in un determinato momento nel contesto culturale nella situazione artistica. Serve a cogliere le differenze fra le opere di uno stesso artista, identificando le fasi del suo percorso.