"Allegoria del buon governo", di Lorenzetti

Appunto inviato da simeonigiulia
/5

Note sintetiche di carattere generale sull'opera d'arte (1 pagine formato doc)

ORIGINI E MATERIALI


Autore: Ambrogio Lorenzetti


Datazione
: 1338-1339


Collocazione
: Siena, Palazzo Pubblico, Sala dei Nove


Dimensioni
: Affresco, 265 x 770 cm



DESCRIZIONE ICONOGRAFICA



Nell'affresco vi è un complicato intrecciarsi di figure simboliche.
Il Buon Governo è rappresentato da un vecchio saggio con scettro, scudo e corona. Vestito di un mantello bianco e nero, egli è assiso in trono sotto le figure alate di Fede, Speranza e Carità.
Alla sua destra siedono la Prudenza, la Fortezza e la Pace, mentre alla sua sinistra vi sono la Magnanimità, la Temperanza e la Giustizia.


Quest'ultima riappare incoronata in trono, all'estrema sinistra del dipinto e quasi con il medesimo rilievo del gran saggio. Essa è raffigurata in atto di reggere in perfetto equilibrio la bilancia, in ciò ispirata dall'alto dalla Sapienza. Conclude la complessa composizione una sottostante sfilata di 24 Consiglieri della città che reggono simbolicamente due lunghi cordoni che la Concordia, seduta immediatamente sotto la Giustizia, porge loro. Sono inoltre presenti altre numerose figure di contorno.