Ricerca sull'Olocausto

Appunto inviato da witu89
/5

Ricerca sull'Olocausto e il suo significato, il processo di Norimberga in cui viene descritta la situazione dei deportati e come si è svolto il processo contro i nazisti (6 pagine formato doc)

RICERCA OLOCAUSTO

L’olocausto e il processo di Norimberga. Il significato della parola olocausto letteralmente significa "holos=totale kaustos=bruciato"; ma è "Shoah" il termine più corretto per indicare la "soluzione finale": lo sterminio degli ebrei.

La parola olocausto iniziò a essere usata dopo che Hitler divenne cancelliere della Germania, intorno al 1933.
Questo nuovo periodo, comunque, non era rivolto solo allo sterminio degli ebrei, ma anche agli oppositori politici, gli zingari, gli omosessuali, i monarchici, i comunisti e tutti coloro che erano indegni di vivere una vita “normale”, come i ritardati mentali, i quali venivano sterminati direttamente nei centri di cura.
Ma ci fu un accanimento soprattutto per gli ebrei, perché secondo la razza ariana, potevano essere una minaccia al loro scopo, la conquista dell’Europa, poiché credevano che fosse anche l’obbiettivo degli ebrei.

Olocausto: riassunto

OLOCAUSTO SIGNIFICATO

Così venivano considerati come una razza inferiore, e quindi da sterminare.
Sottrarsi alla pena di morte, era impossibile, secondo i Nazisti, tutti gli ebrei dovevano essere uccisi, e così anche le loro famiglie.

Ma se i detenuti non erano ebrei o oppositori del Terzo Reich, le famiglie non venivano coinvolte, così, se una persona veniva uccisa o mandata in un campo di concentramento, non tutti i membri della famiglia dovevano avere la stessa fine.
Il simbolo dei nazisti diventò la Svastica collegandolo a una nozione di presunta superiorità razziale.
Noi celebriamo il 27 gennaio, poiché lo stesso giorno del 1945 furono abbattuti i cancelli di Auschwitz, e lo ricordiamo come il giorno della memoria, alla memoria dei migliaia di ebrei e persone che furono sterminate nei campi di concentramento, alla shoah.
Secondo Hitler comunque non bastava solo sterminare la razza, ma bisognava eliminare tutto ciò che si poteva ricondurre a loro, come le loro città, la loro cultura ecc. 

Shoah: riassunto breve

SHOAH RICERCA

Auschitz. Questa era la scritta sopra il cancello del più famoso e importante campo di concentramento, e tradotto significa = “il lavoro rende liberi”.
Questo campo venne istituito nel 1940 sotto il comando di Rudolf Hoss.
Piano piano con l’aiuto dei primi deportati furono costruiti cucine, caserme, magazzini, strade e tratti ferroviari, ma ben presto il campo non fu più abbastanza grande per contenere tutti i deportati, così si innalzarono altri campi vicini: Auschitzll e Auschitzlll.
Nei campi non mancava la manodopera, le persone arrivavano in vagoni piombati, subito dopo venivano selezionati.
Gli individui che erano forti venivano mandati a lavorare, ma chi era malato o non abbastanza forte era destinato subito alla morte; questo succedeva agli anziani ai malati e ai bambini.