Classificazione dei nevi cutanei

Appunto inviato da almin
/5

aspetto clinico e aspetto istologico, iter diagnostico e diagnosi differenziale, trattamento e prognosi (0 pagine formato txt)

Classificazione dei nevi cutanei - Nevo - Classificazione dei nevi:
- Nevo acquisito o comune: la maggior parte dei nevi presenti in ognuno di noi, si osservano nel primo anno di vita o, al massimo, dopo un paio di anni dalla nascita, possono insorgere fino ai 30 anni e dopo vanno scomparendo.

Quindi, se un paziente ventenne riferisce l’insorgenza di un nuovo nevo, si tratta di una lesione che possiamo aspettarci considerando l’età, e probabilmente sarà benigna piuttosto che maligna, viceversa di fronte ad un paziente con insorgenza di un nevo intorno ai 50 anni è più probabile che si possa trattare di una lesione maligna, di un melanoma.

Leggi anche Dispense di semeiotica sulla cute e gli annessi cutanei

- Nevo congenito: compare alla nascita o a pochi mesi dalla nascita; i nevi congeniti vengono distinti in di piccole dimensioni, intermedie e grandi dimensioni poiché possono raggiungere diversi cm. Il nevo congenito di grandi dimensioni viene anche chiamato “nevo peloso” perché è una lesione a carattere amartomatoso che reca presenza di follicoli piliferi; i nevi congeniti di grandi dimensioni superiori ai 6 cm devono essere periodicamente controllati perchè hanno un rischio più elevato di sviluppare il melanoma.
In generale, su un nevo congenito si può avere l’insorgenza di melanomi.

Leggi anche Anatomia e fisiologia della cute

Classificazione dei nevi, in base alla derivazione cellulare (cioè quali sono le cellule che costituiscono il nevo):
- Nevo melanocitico: costituito da melanociti.