Apparato cardiovascolare

Appunto inviato da baby89mi
/5

Note molto dettagliate con immagini esplicative su apparato circolatorio, cuore, vene, arterie e vasi linfatici (10 pagine formato doc)

L'apparato cardiovascolare è formato dal cuore e dai vasi, nei quali circolano fluidi nutritizi, ossia il sangue e la linfa.

Apparato circolatorio sanguifero:

l'apparato circolatorio sanguifero, è formato da un organo centrale, il cuore, e da vasi sanguiferi distinti in arterie (nelle quali il sangue circola in direzione centrifuga), vene (sangue circola in direzione centripeta) e capillari sanguiferi.

Il cuore, spinge il sangue nelle arterie, questo lo distribuiscono a tutti gli organo del corpo, e all'interno di questi si ramificano risolvendosi nei capillari.
I capillari permettono gli scambi metabolici e quindi danno origine, confluendo fra loro, alle vene, per mezzo delle quali il sangue ritorna al cuore.
Il cuore è un organo cavo diviso in due metà (destra e sinistra) non comunicanti fra loro. Ogni metà è formata da due cavità sovrapposte e comunicanti fra loro: l'atrio superiormente e il ventricolo inferiormente. La metà destra contiene sangue venoso, ricco di anidride carbonica, la metà sinistra sangue arterioso ricco di ossigeno.

L'apparato circolatorio sanguifero è suddiviso in due settori:

  • Grande circolazione (o circolazione generale) ha inizio nel ventricolo sinistro del cuore con l'arteria aorta; i rami dell'aorta, all'interno dei singoli organi, si risolvono nei vasi capillari sanguiferi a livello dei quali, tramite gli scambi con i fluidi interstiziali, il sangue arterioso cede ossigeno e si carica di anidride carbonica, trasformandosi in sangue venoso. Dai capillari si formano le vene, che raggiungono la vena cava superiore, la vena cava inferiore e il seno coronarico, che sboccano nell'atrio destro del cuore dove termina la grande circolazione. Il sangue venoso dall'atrio destro, passa nel ventricolo destro per prendere la via della piccola circolazione. In questa circolazione, le arterie contengono sangue arterioso (ricco di ossigeno) e le vene sangue venoso (ricco di anidride carbonica).
  • Piccola circolazione (o circolazione polmonare), ha inizio nel ventricolo destro del cuore con l'arteria polmonare che, biforcandosi, porta sangue venoso, ricco di anidride carbonica ai polmoni. All'interno di questi l'arteria polmonare si risolve in capillari, nei quali il sangue venoso perde anidride carbonica, acquista ossigeno, e diventa sangue arterioso. Il sangue arterioso, torna al cuore con le quattro vene polmonari che sboccano nell'atrio sinistro, dove termina la circolazione polmonare. Dall'atrio sinistro il sangue arterioso, passa nel ventricolo sinistro, per prendere la via della grande circolazione. La piccola circolazione è caratterizzata da sangue venoso nelle arterie, e sangue arterioso nelle vene.
La funzione dell'apparato circolatorio è quella di garantire a tutti gli organi un continuo apporto di ossigeno e di materiali nutritizi.

Cuore: